Un parco letterario dedicato a Danilo Dolci: il progetto a Partinico

L'evento del Privitera inaugura una serie di iniziative - Danilo è stato qui 1924/2024 - promosse da dall'associazione Inikon in preparazione del centenario della nascita di Danilo Dolci (1924-2024)

L’appuntamento è per giovedì 12 Ottobre 2023 ore 17.30 presso l’Auditorium del plesso G.B. Privitera in via Principe Umberto a Partinico. Il progetto è quello di un concorso di idee per la la creazione di un “Parco letterario Valle Jato” da intestare a Danilo Dolci, articolato con una minuziosa analisi del territorio, delle sue risorse, della sua storia, della sua economia, delle sue tradizioni, delle sue strutture culturali.

Un progetto datato 30 settembre 1998 e porta la firma di Giuseppe Casarrubea, storico di primordine ed ex preside dell’istituto Privitera, tanto basta per dedicare al compianto ricercatore partinicese l’incontro del 12 ottobre.

L’evento del Privitera inaugura una serie di iniziative – Danilo è stato qui 1924/2024 – promosse da dall’associazione Inikon in preparazione del centenario della nascita di Danilo Dolci (1924-2024).

«In un momento storico in cui gli elementi culturali assumono sempre più le connotazioni di «risorse strategiche», i parchi letterari rappresentano progetti culturali posti all’incrocio fra memoria, turismo culturale e sviluppo locale.» afferma l’associazione partinicese.

Nel corso dell’incontro interverranno lo storico e archivista Pierluigi Basile, la professoressa Marina Castiglione, il deputato ARS Valentina Chinnici, il sindaco di Polizzi Generosa Gandolfo Librizzi ed il presidente del Gal Golfo di Castellammare Pietro Puccio.

L’ipotesi progettuale del Parco dedicato a Danilo Dolci, oltre al proposito di incardinare la peculiare esperienza letteraria e sociale nel territorio, comporta la valorizzazione e il recupero dei valori identitari e delle energie economiche e sociali in grado di trasformare dei fattori culturali in nuove forme di sviluppo territoriale.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale