Aeroporto di Palermo, settembre da record: 803mila passeggeri

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Aeroporto di Palermo, settembre da record: 803mila passeggeri

A settembre è ancora record di passeggeri e voli per l’aeroporto internazionale Falcone Borsellino di Palermo. Nel mese appena trascorso i viaggiatori in transito dallo scalo aereo palermitano sono stati 833.312, +9,90% rispetto a settembre 2022 (758.259). I voli, invece, 5.710 contro 5.223 del 2022, +9,32%.

La media di passeggeri per volo è stata di 146 contro 131 di settembre 2022.
Da gennaio a settembre di quest’anno, inoltre, i viaggiatori dal Falcone Borsellino sono stati 6.316.841, +13.99% sullo stesso periodo del 2022 (5.541.435). Ciò significa che in nove mesi l’aeroporto di Palermo ha fatto volare 775 mila passeggeri in più.

I voli sono cresciuti del 5,16% (43.393 del 2023 contro 41.263 del 2022), con una media passeggeri per volo di 146 contro 134 del 2022. “I buoni dati di traffico ci danno ormai prossimo e raggiungibile l’obiettivo degli 8 milioni di passeggeri nel 2023, che significa chiudere l’anno con un incremento di poco meno di un milione di viaggiatori – dice natale Chieppa, direttore generale di Gesap, la società di gestione dell’aeroporto di Palermo – Un altro risultato record – conclude il manager – che ha un maggior peso se consideriamo il grande recupero anche dei dati di qualità e gradimento espressi dai passeggeri nell’indagine sulla soddisfazione dei clienti, dati raccolti in un report e trasmessi, lo scorso 20 settembre, ad Enac”.
In evidenza la buona performance del traffico internazionale, che ha inciso per il 34% sul totale dei transiti di settembre e del 30,67% sull’anno.

“La spinta che viene dal traffico aereo deve rendere più urgente e necessario l’adeguamento di tutti i servizi in termini di qualità ed efficienza – dice Vito Riggio, amministratore delegato di Gesap – L’aeroporto dà il proprio contributo ed è impegnato a fare ancora meglio. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato con grande impegno e professionalità”.

Commenta