Endometriosi e HPV, prevenzione e cure: a Palermo esperti a confronto

di Redazione Web
lettura in 3 minuti
Endometriosi e HPV, prevenzione e cure: a Palermo esperti a confronto

L’endometriosi è una malattia invalidante che colpisce oltre 3 milioni di donne in Italia, di cui il 20% in età riproduttiva. Anche le infezioni da HPV sono un problema diffuso, con 50mila diagnosi certificate nel nostro Paese. Prevenire e curare queste patologie è fondamentale per la salute femminile. Proprio di questo si parlerà al convegno “Advanced Obstetrics & Gynecology”, organizzato dal dottor Giuseppe Scaglione e dalla LAMB, che si terrà il 6 e 7 ottobre a Palermo presso il Saracen Sands Hotel & Congress Center.

Il professor Ettore Cittadini, luminare della ginecologia, aprirà i lavori con una lectio magistralis sulla prevenzione della fertilità nelle pazienti con endometriosi. Interverranno poi i maggiori esperti del settore per affrontare vari temi: dalla medicina di genere alla diagnosi prenatale, dalle nuove terapie per i fibromi alla micoterapia. L’obiettivo è fare il punto sulle ultime novità in ambito diagnostico e terapeutico in ostetricia e ginecologia.

Ma il convegno dedicherà spazio anche al drammatico tema della violenza contro le donne. Il 6 ottobre si terrà infatti la tavola rotonda “Violenza di genere prevenire è possibile: verso una soluzione condivisa”, che vedrà la partecipazione di medici, giornalisti, rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali. L’intento è discutere e sensibilizzare su un fenomeno che continua a mietere troppe vittime: basti pensare che solo nel 2022 si contano già 300 omicidi di donne, di cui 97 per mano di partner o ex partner.

Tra i partecipanti alla tavola rotonda ci saranno il sindaco di Palermo Roberto Lagalla, l’assessore comunale Rosalia Pennino, il deputato Ismaele La Vardera, il professore Angelo Mangione e i medici Giuseppe Scaglione, Laura Giambanco, Antonio Maiorana e Vincenza Malatino. Le conclusioni saranno affidate al giornalista Emanuele Termini.

Il convegno sarà quindi un’ottima opportunità per gli specialisti di condividere le conoscenze più all’avanguardia sulla salute femminile, ma anche per accendere i riflettori dell’opinione pubblica su temi delicati come l’endometriosi e la violenza di genere. La speranza è che dal confronto tra esperti scaturiscano soluzioni concrete per migliorare la prevenzione, la diagnosi e la cura delle patologie ginecologiche, e per contrastare la violenza sulle donne.

Commenta