Superbonus 110, in Sicilia sblocco dei crediti all’esame dell’Ars

di Redazione Web
lettura in 3 minuti
Superbonus 110, in Sicilia sblocco dei crediti all'esame dell'Ars

Il problema del blocco dei crediti legati ai bonus edilizi, che sta mettendo in grave difficoltà molte imprese e privati in Sicilia, approda all’esame della commissione Bilancio dell’Assemblea Regionale Siciliana. Mercoledì prossimo, infatti, sarà discussa la proposta di legge presentata dal M5S, prima firmataria il capogruppo Antonio De Luca, che punta a sbloccare i crediti incagliati attraverso l’intervento diretto della Regione e di enti collegati.

L’obiettivo è dare una boccata d’ossigeno al settore edile siciliano, duramente colpito dal blocco della cessione dei crediti derivanti da bonus come il superbonus 110%. Le restrizioni imposte dal governo Meloni hanno di fatto paralizzato il meccanismo, con gravi ripercussioni su cantieri, pagamenti e imposte. Per questo il M5S chiede che anche la Sicilia segua l’esempio della Basilicata e del Lazio, regioni che hanno legiferato per consentire l’acquisto dei crediti edilizi da parte di società pubbliche regionali.

“Quella che proponiamo è un’operazione già sperimentata con successo dalla Regione Basilicata, che ha avuto l’ok del Mef” spiega De Luca. Anche nel Lazio il consiglio regionale ha approvato una legge analoga. L’obiettivo è sbloccare i crediti e immettere liquidità nel sistema, evitando il tracollo di molte imprese edili siciliane.

Secondo il M5S, la Regione non può restare a guardare mentre cantieri e pagamenti si bloccano. “La paralisi della cessione dei crediti sta provocando grossi contraccolpi. Tantissime imprese stanno ritardando a pagare i fornitori, molte stanno per sospendere i cantieri” denuncia De Luca.

Da qui la proposta di legge pentastellata, che mira ad acquistare i crediti fiscali incagliati attraverso l’intervento di Invitalia o Irfis, società partecipate dalla Regione. Un modo per immettere liquidità nel sistema e salvare aziende e posti di lavoro.

Già in finanziaria il M5S aveva provato a inserire una norma simile, ma senza successo. Ora l’iter ricomincia daccapo, con l’auspicio che stavolta vada in porto. “Siamo fiduciosi che si possa arrivare ad una buona sintesi nell’interesse dei siciliani” afferma De Luca.

La proposta pentastellata sembra trovare aperture anche nella maggioranza di centrodestra. Il presidente Schifani ha dichiarato la disponibilità a valutare soluzioni utili allo sblocco dei crediti. Un segnale positivo in attesa che il ddl arrivi in Aula.

La partita è delicata, perché occorrerà trovare le risorse necessarie per un intervento diretto della Regione in materia. Ma è anche urgente, con imprese e famiglie strozzate dai crediti incagliati. La politica siciliana è chiamata a decidere presto per scongiurare una crisi senza precedenti nel settore dell’edilizia.

Commenta