Boato nella notte a Palermo: fatto esplodere bancomat in viale Regione Siciliana

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Boato nella notte a Palermo: fatto esplodere bancomat in viale Regione Siciliana

Alcuni malviventi hanno fatto saltare il bancomat della filiale Banca credito coperativo di Altofonte in viale Regione Siciliana, a Palermo. Un boato fortissimo che si è sentito in tutto il circondario, perfino a Monreale.

La vicenda è avvenuta stanotte presso la banca che si trova tra viale Regione Siciliana e via Platania. Sul posto, diverse pattuglie delle forze dell’ordine. Tanta la paura per i residenti svegliati in piena notte dall’esposizione.

Un passante ha segnalato la presenza di tre persone su scooter che successivamente si sono allontanate. Le indagini sono condotte dai carabinieri della stazione di Mezzomonreale. I ladri hanno danneggiato l’erogatore dei soldi ma non sono riusciti a portare via un euro.

“Come avevamo affermato qualche giorno fa registriamo una recrudescenza degli attacchi agli ATM a Palermo ed in Sicilia, fenomeno finora diffuso nelle aree del Nord del Paese.”

Esprime grande preoccupazione Gabriele Urzì Dirigente Nazionale del Sindacato FABI e Responsabile Salute e Sicurezza FABI Palermo dopo il terzo attacco ad un Bancomat ai danni della BCC di Altofonte e Caccamo di Viale Regione Siciliana a Palermo, a distanza di pochi giorni dagli ultimi assalti ai danni di Banca Sella in Via Castellana e delle Poste di Via Pergusa.

“Studiando i dati pubblicati ad inizio del 2023 con riferimento agli attacchi ai Bancomat, la Sicilia aveva un indice di rischio pari a 0 e nessuna provincia siciliana figurava fra le prime dieci più colpite. Questa tendenza rischia di cambiare in negativo, con ben tre assalti in pochi giorni registrati nel Capoluogo Siciliano. I dati pubblicati dall’OSSIF (Centro di ricerca ABI sulla sicurezza anticrimine) parlano chiaro: gli attacchi agli ATM nel 2022 si erano registrati per il 41% nelle giornate di sabato e 14,1% nella fascia oraria che va dalle due e le cinque del mattino (82%). Nel 58% dei casi sono stati usati gas e esplosivi, nel 26% si sono registrati attacchi con scasso e nel 16% attacchi con asportazione dell’intera apparecchiatura”.

Commenta