Stupro Palermo: suo social parla la vittima violenza: “Stanca di chi mi giudica”

di Redazione Web
lettura in 1 minuti

“Sinceramente sono stanca di essere educata, quindi ve lo dico in francese, mi avete rotto” “con cose del tipo ‘ah ma fa i video su TikTok con delle canzoni oscene’, ‘è normale che poi le succede questo’, oppure ‘ma certo per come si veste’. Me ne dovrei fregare, ma non lo dico per me”, “più che altro se andate a scrivere cose del genere a ragazze a cui succedono cose come me, e fanno post come me, potrebbero ammazzarsi. Sapete che significa suicidio?”. E’ questo lo sfogo che la 19enne vittima dello Stupro di gruppo a Palermo affida al proprio canale social.

La ragazza prosegue dichiarando il suo disinteresse verso le critiche ricevute nei giorni scorsi, “già sapevo che qualcuno avrebbe fatto lo scaltro”, osserva, “ma io rimango me stessa e manco se mi pagate cambio, perciò chiudetevi la boccuccia”, “piuttosto che giudicare una ragazza stuprata”.

Commenta