Terrore a Palermo: “C’è uno squalo in spiaggia!”, bagnanti in fuga

di Redazione Web
lettura in 2 minuti

Attimi di panico oggi su una spiaggia di Palermo, dove alcuni bagnanti hanno dato l’allarme segnalando la presenza di uno squalo molto vicino alla riva. È successo sul litorale di Romagnolo, precisamente nella zona di Sant’Erasmo, dove diversi bagnanti hanno notato un lungo pesce simile a uno squalo nuotare a pochi metri dalla battigia.

Panico in spiaggia a Palermo: avvistato uno squalo

Immediato è scattato l’allarme, con la gente che è uscita frettolosamente dall’acqua temendo di essere attaccata. “Sono stato allertato dai bagnanti usciti dall’acqua e impauriti – ha dichiarato il presidente della Seconda circoscrizione Giuseppe Federico – Ho subito contattato la Capitaneria di porto che ha confermato di aver ricevuto diverse segnalazioni”.

I bagnanti fuggono dall’acqua e danno l’allarme

Sul posto è stata inviata prontamente una motovedetta della Guardia Costiera per verificare la presenza dello squalo e monitorare la situazione. Al momento non ci sono conferme ufficiali, ma diversi video girati con gli smartphone da alcuni bagnanti mostrerebbero chiaramente un grande esemplare simile a uno squalo nuotare nelle acque antistanti la spiaggia di Romagnolo.

Non è il primo avvistamento: squali stanno ripopolando il Mediterraneo

Non è la prima volta che si verificano avvistamenti del genere in Sicilia. Nelle ultime settimane si sono susseguiti diversi casi di squali visti molto vicino alle coste siciliane, a Messina, Catania e ora anche Palermo, a testimonianza di come questi predatori stiano ripopolando il Mediterraneo. Gli esperti invitano alla calma e ricordano che non ci sono mai stati attacchi di squali confermati nei nostri mari. Tuttavia è bene prestare attenzione e seguire le indicazioni delle autorità, evitando di allontanarsi troppo dalla riva quando si è in mare. Quello di oggi a Palermo è solo l’ultimo di una serie di avvistamenti che stanno generando comprensibile apprensione tra i bagnanti delle coste siciliane.

Commenta