Da militare a sacerdote, la straordinaria vocazione del siciliano Giuseppe Maltese

di Redazione Web
lettura in 3 minuti
Da militare a sacerdote, la straordinaria vocazione del siciliano Giuseppe Maltese

Alcamo festeggia l’ordinazione di don Giuseppe Maltese, 38enne originario della città che dopo una carriera militare ha abbracciato con gioia la vocazione al sacerdozio.

Il percorso di fede di don Giuseppe

La cerimonia si è svolta solennemente il 5 agosto nella Basilica di Santa Maria Assunta, gremita di fedeli per la particolare vicenda umana e spirituale di don Giuseppe. Dopo anni di servizio nel Corpo dei Bersaglieri, che lo hanno visto partecipare anche a missioni di pace come quella in Kosovo, don Giuseppe ha sentito il richiamo della fede. Ha lasciato l’esercito e intrapreso con entusiasmo gli studi in seminario e all’università Salesiana di Roma, laureandosi in Teologia.

Le parole del vescovo sulla vocazione di don Giuseppe

Ora don Giuseppe è pronto a servire la Chiesa con lo stesso impegno profuso durante la carriera militare, ma in nome di Cristo e del Vangelo. L’ordinazione è avvenuta per mano di monsignor Giovanni D’Ercole, vescovo emerito di Ascoli Piceno, alla presenza di sacerdoti provenienti da tutta Italia. “Il percorso di don Giuseppe è straordinario, dalla vita militare a quella ecclesiale. La sua vocazione nasce da un’esperienza di servizio per la pace e per il prossimo. Sono certo che con la stessa passione e dedizione servirà il Signore e i più bisognosi” ha detto monsignor D’Ercole durante l’omelia.

Don Giuseppe entra nella congregazione di Don Orione

Don Giuseppe entra a far parte della congregazione religiosa “Don Luigi Orione“, dedicata all’assistenza dei poveri e degli emarginati. Una scelta coerente con la sua sensibilità maturata durante le missioni militari. “Porterò avanti con gioia l’opera di Don Orione, stando accanto agli ultimi con opere di carità concrete” ha dichiarato il neo-sacerdote.

La famiglia e la città accolgono con gioia don Giuseppe

La famiglia e la comunità di Alcamo sono orgogliose del cammino di fede intrapreso da don Giuseppe. “La sua vocazione è motivo di speranza per tutti noi. Il suo percorso dimostra che è sempre possibile cambiare vita e assecondare la chiamata del Signore” dice commossa la sorella.

La vocazione di don Giuseppe, segno di speranza

Domenica 7 agosto don Giuseppe ha celebrato la prima messa nella chiesa madre di Alcamo, stringendo a sé i familiari presenti. L’intera città sta accompagnando con affetto e preghiere il nuovo sacerdote, che ora partirà per l’Albania, dove sarà viceparroco nella città di Elbasan. La straordinaria vocazione di don Giuseppe, dall’esercito al sacerdozio, è un segno di speranza per la Chiesa e per l’intera comunità. La sua scelta coraggiosa indica che è sempre possibile ascoltare la voce di Dio e cambiare radicalmente vita per servire gli altri. Don Giuseppe porterà ovunque lo spirito appassionato di servizio maturato durante la carriera militare.

Commenta