Vino, arte e musica: alla scoperta dell’armonia vinicola di Donnafugata

di Redazione Web
lettura in 6 minuti
Vino, arte e musica: alla scoperta dell’armonia vinicola di Donnafugata

Coloro che visitano la Sicilia rimangono incantati dai colori brillanti del mare, dalla ricchezza culturale, dalla deliziosa cucina e dal buon vino. La cantina Donnafugata cerca di concentrare tutti questi elementi caratteristici della Sicilia in un calice di vino, unendo arte ed enologia in un connubio unico di armonia e sapori.

José Rallo è l’attuale proprietaria di Donnafugata, assieme al fratello Antonio ed alla madre Gabriella che ha fondato la cantina con il marito Giacomo Rallo nel 1983. A loro volta i Rallo provengono da una dinastia vinicola siciliana i cui primi passi in questo mondo risalgono al 1850. Il desiderio di José è portare il vino Donnafugata agli appassionati di vino di tutto il mondo, e incantarli con tutte le sensazioni che possono esprimere, cercando di presentare i sapori siciliani, i colori, la musica e la cultura attraverso il vino.

Il punto di partenza è stato l’arte. Donnafugata ha dato vita ad un solido legame con l’artista locale Stefano Vitale, che ha creato le etichette distintive e molto colorate che adornano le bottiglie di vino dell’azienda. La maggior parte di queste etichette raffigurano una donna con i capelli lunghi mossi dal vento, così come il mare, i fiori e il paesaggio della Sicilia. Il nome della cantina è tratto dal libro Il Gattopardo, che racconta la storia di una regina in fuga. Donnafugata significa infatti “donna in fuga”, e i lunghi capelli della donna delle etichette sono pieni dei colori della Sicilia. La donna in questione era la regina Maria Carolina, che fuggì da Napoli nel 1700 per sfuggire alle truppe francesi e si nascose tra i vigneti della Sicilia.

Negli anni l’azienda vinicola Donnafugata è cresciuta di dimensioni ed oggi conta con ben cinque tenute nelle migliori regioni vinicole della Sicilia. Produce circa 3 milioni di bottiglie di vino all’anno, che vengono esportate in oltre 60 paesi. Parte del successo deriva proprio dalle etichette distintive, ma è anche dovuto all’ampio portafoglio di vini siciliani e dai prezzi concorrenziali proposti dall’azienda.

Alcuni esempi di vini Donnafugata che possono essere acquistati presso l’enoteca DiemmeVini includono il Grillo, che nasce dall’uva bianca caratteristica della Sicilia, e possiede aromi di agrumi, pesca bianca e un pizzico di sale marino ed erbe locali, ed il vino rosso Nerello Mascalese Sul Volcano, nato da uve coltivate in un vigneto situato sulle pendici dell’Etna, una delle ultime acquisizioni della cantina. Questo vino possiede accattivanti note di frutti di bosco e spezie con un accenno di terra vulcanica.

I vini di fascia alta di Donnafugata includono il Mille e Una Notte ed il famoso Ben Rye Passito di Pantelleria, molto apprezzati dalla critica e dal pubblico. Il primo è una miscela di uve a bacca rossa complessa incentrata sul vitigno autoctono Nero d’Avola, con note di amarena, noce moscata, tabacco e un pizzico di oliva e moka. Il Ben Rye è invece un vino dolce da dessert ottenuto da uve Zibibbo appassite, e possiede incredibili aromi di fiori d’arancio, albicocca e fichi.

Recentemente la cantina ha ampliato il proprio portafoglio di vini includendo quattro nuovi vini in collaborazione con Dolce & Gabbana. Ogni vino viene fornito con un’elegante scatola appositamente progettata con una fusione dei vivaci colori siciliani da sempre rappresentati nelle etichette di Donnafugata, ma con in più il tocco artistico e l’ispirazione dei designer di D&G. Per questa linea Donnafugata ha creato quattro vini: due rossi, un bianco e un rosato. Questa collaborazione ha attratto molti nuovi clienti, in particolare i consumatori più giovani che in questo modo si avvicinano per la prima volta ai vini della Sicilia.

Oltre alla sinergia tra vino e arte, Donnafugata celebra anche la bellezza dell’incontro tra vino e musica. Tutto è iniziato quando Rallo, che è anche cantante, ha incontrato un musicista siciliano che suonava musica brasiliana e jazz. Non solo si innamorò della musica, ma finì per sposare il musicista Vincenzo Favara. Era il 2001 e da allora Rallo ha portato la propria musica ad eventi enogastronomici in tutto il mondo ed in luoghi come il Blue Note di New York. Introduce il vino e poi canta una canzone speciale abbinata al vino, mentre suo marito e altri membri della band suonano jazz, samba, bossa nova o musica siciliana. Ad oggi, Donnafugata ha pubblicato tre diversi CD musicali, che possono essere trovati su Spotify ed il video della canzone dedicata al famoso vino Ben Rye Passito di Pantelleria è stato girato nello splendido scenario del Partenone di Atene.

Commenta