Bagheria in ansia per una ragazza grave dopo incidente sulla Palermo-Messina

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Bagheria in ansia per una ragazza grave dopo incidente sulla Palermo-Messina

Bagheria è in apprensione per le condizioni di F. D. S., 38enne vittima di un grave incidente stradale avvenuto lunedì sull’autostrada all’altezza di Rometta. La giovane stava rientrando a casa dopo il turno di lavoro notturno presso un’agenzia di vigilanza privata a Messina.

Secondo una prima ricostruzione, intorno alle 6.30 del mattino la bagherese, probabilmente colta da un colpo di sonno, ha perso il controllo della macchina di servizio andando a sbattere contro il guardrail. Dopo un testacoda l’auto si è fermata al centro della carreggiata.

In quel momento transitava un carabiniere che, vedendo la scena, si è subito fermato per prestare i primi soccorsi alla 38enne, che nell’impatto aveva perso i sensi. È stato lui a chiamare il 118, che è intervenuto tempestivamente con due ambulanze insieme alle forze dell’ordine.

I sanitari hanno estratto la donna dall’abitacolo e l’hanno trasportata d’urgenza in codice rosso al Policlinico di Messina. Qui i medici hanno riscontrato diversi traumi, tra cui fratture multiple, un polmone perforato e un ematoma celebrale. Le sue condizioni sono stabili ma gravi.

“Prego che possa riabbracciare presto la mia amata sorella” dice la sorella. Tutta Bagheria si stringe attorno alla famiglia e ai suoi familiari, in attesa di buone notizie dall’ospedale. L’incidente ha provocato lunghe code sull’autostrada, anche a causa dei lavori in corso e del concerto che si era tenuto poco prima a Messina.

La dinamica dell’accaduto è ancora al vaglio della Polizia Stradale, che dovrà accertare le cause della perdita di controllo da parte della Di Salvo, se sia stato un colpo di sonno o un malore improvviso. Quel che è certo è che solo la prontezza del carabiniere ha evitato il peggio. Ora non resta che attendere fiduciosi il bollettino dei medici e sperare che Francesca possa presto tornare tra le braccia dei suoi cari.

Commenta