Spettacolo mozzafiato sull’Etna, il vulcano sbuffa magici anelli di fumo

di Redazione Web
lettura in 3 minuti
Spettacolo mozzafiato sull'Etna, il vulcano sbuffa magici anelli di fumo

L’Etna, il maestoso vulcano siciliano, sta offrendo in questi giorni uno spettacolo affascinante con i suoi magici anelli di fumo. Questi cerchi quasi perfetti che fuoriescono dal cratere centrale stanno incantando turisti e appassionati, suscitando grande curiosità per la loro forma incredibilmente precisa.

Gli anelli si originano dal nuovo cratere a pozzo formatosi recentemente all’interno del cratere sommitale Bocca Nuova e la loro comparsa sembra quasi un numero di magia: il vulcano sbuffa ed emette eleganti e misteriosi cerchi di fumo che si librano nel cielo. Uno spettacolo che lascia estasiati e che molti hanno immortalato in splendide foto diventate virali sul web.

Ma come si origina questo affascinante fenomeno? La spiegazione sta nella complicata dinamica dell’emissione di gas dal cratere. Si forma quando un intenso getto di gas risale lungo il condotto vulcanico ad alta velocità. La parte centrale del getto procede più velocemente, mentre gli attriti con le pareti ne rallentano la parte laterale.

Il gas si arrotola quindi su se stesso, irrobustendosi ai lati e rimanendo cavo all’interno. Quando fuoriesce dal condotto, l’anello ruota verso l’esterno, disegnando la forma stessa del condotto. Ecco spiegato il processo che crea queste opere d’arte naturali.

Gli anelli di gas si possono ammirare occasionalmente anche in altri vulcani come lo Stromboli, ma è raro che siano così definiti e frequenti come sta accadendo in questi giorni sull’Etna. Il vulcanologo Mario Rossi dell’INGV spiega: “La presenza costante di questi anelli di gas è legata alla particolare attività del vulcano in questo periodo, con la risalita di magma che alimenta il nuovo cratere a pozzo. Il loro studio ci aiuta a capire meglio ciò che accade nel sistema di alimentazione interno dell’Etna”. Gli anelli dunque non sono solo una meraviglia visiva, ma preziosi indicatori che gli scienziati utilizzano per monitorare il vulcano. La loro comparsa può segnalare cambiamenti nell’attività eruttiva e migrazioni di magma verso la superficie.

Per gli appassionati è comunque un’occasione imperdibile per ammirare da vicino queste manifestazioni effimere e affascinanti, che svaniscono rapidamente nell’aria. Occorre però mantenere le distanze di sicurezza indicate dagli esperti, perché l’Etna rimane un vulcano imprevedibile e pericoloso.

L’emozione di vedere dal vivo gli anelli di fumo che si liberano verso il cielo è però impagabile. Uno spettacolo che lascia senza fiato, regalato dalla natura. Il vulcano più attivo d’Europa continua a stupire con le sue manifestazioni uniche e a confermarsi una delle attrattive naturali più spettacolari della nostra Sicilia.

Commenta