L’Alta Moda di Dolce&Gabbana sfila tra i trulli di Alberobello, un siciliano in passerella

Lo show di Dolce&Gabbana si è svolto ad Alberobello, tra i trulli della città Patrimonio dell’Unesco, un siciliano tra i modelli

Il calendario dell’Alta Moda si è concluso ieri con la sfilata di Dolce & Gabbana. Se lo scorso anno il duo di stilisti siciliani era tornato nella loro terra natia per celebrare i 10 anni di Haute Couture del brand, questa volta hanno invitato ospiti a scoprire le tradizioni e lo stile della Puglia.

Lo show si è svolto ad Alberobello, tra i trulli e gli artigiani della città Patrimonio dell’Unesco. In Puglia abiti da sogno hanno sfilato tra vicoli lastricati, proponendo una versione contemporanea dell’abbigliamento tradizionale del posto, con grembiuli ricercati e copricapi simili ai tetti delle case tipiche. Tra i protagonisti dell’evento targato Dolce&Gabbana c’era anche un siciliano, il siracusano Gabriele Baio che ha posato per L’alta moda di Dolce&Gabbana in Puglia. Lo scatto è poi finito su Vogue France.

Il risultato è stata un’ efficace sintesi dell’estetica pugliese nella sua accezione più tradizionale, che ha sostituito ricche decorazioni in oro e tulle con pizzo, nero e un’Alta Moda autentica e credibile. Nella pittoresca location, degna di un set cinematografico, è andata in scena la sfilata Alta Moda autunno-inverno 2023-2024 di Dolce & Gabbana. Gli stilisti hanno preso ispirazione proprio da Alberobello, dalle artigiane che intrecciano la paglia e dai contadini che pascolano le pecore. Dalle orecchiette fatte a mano alla lavorazione del cuoio per le briglie, ogni arte locale ha contribuito a creare un’atmosfera tra sogno e realtà.

Comprendere la visione dei due stilisti è chiaro. La difficoltà, come hanno ammesso in conferenza stampa, è stata evitare una pantomima. L’obiettivo era offrire un viaggio a 360 gradi nella cultura locale, sintetizzata nella “sfilata più autentica della nostra vita”, come l’hanno definita Domenico Dolce e Stefano Gabbana. “Sono abiti da cucina in chiave Alta Moda, perché no?”, hanno aggiunto.

Una successione di omaggi al luogo che ha ospitato lo show di Dolce & Gabbana, più discreto del solito, ma dove lo studio della silhouette e la valorizzazione del corpo femminile continuano a ricoprire un ruolo importante. Sensuale ma in modo più silenzioso del solito, la sfilata si è conclusa con abiti da sera dal carattere più frizzante. Con qualche tocco di colore insolito che interrompeva l’alternanza di capi in bianco e nero, trasparenze e strascichi sono stati i protagonisti del gran finale.

Con una sfilata Dolce & Gabbana così teatrale e adatta ai social media non potevano mancare star provenienti da tutto il mondo in prima fila. Con un abito dall’imponente strascico, Kim Kardashian, accompagnata dalla mamma Kris, ha saputo farsi notare consolidando il rapporto con il brand. Accanto a lei, in prima fila, anche la modella Rosie Huntington-Whiteley in total white, Kerry Washington, Alessandra Ambrosio, Venus Williams e un’esuberante Helen Mirren con orecchini e collana d’olive.

Italiana ma non tanto da diventare uno stereotipo. Sexy senza sembrare sfacciata. La missione di Dolce&Gabbana Alta Moda di scoprire la bellezza e coinvolgere i cinque sensi sembra raggiunta. Potrebbe essere ricordata come una sfilata che ha segnato l’inizio di un nuovo capitolo, dove gli abiti parlano più forte della cornice, sempre incantevole, in cui sono stati raccontati.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale