Alberto Angela torna in Tv, la trasmissione si chiamerà Noos

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Alberto Angela torna in Tv, la trasmissione si chiamerà Noos

Alberto Angela annuncia l’inizio della sua nuova trasmissione televisiva di Rai Uno di divulgazione scientifica. Il foglio di Piero Angela prenderà in carico l’eredità del padre.

Alberto Angela ha deciso di raccogliere la fiaccola della divulgazione scientifica lasciata accesa dal padre con i suoi programmi e ha annunciato l’inizio di questa nuova avventura Stesera ha svelato il titolo del nuovo programma.

“Come vi anticipavo – dice Alberto Angela – non si chiamerà SuperQuark, quello è il programma di Piero e resterà suo per sempre. Ho quindi pensato a quale fosse il nome più adatto e la soluzione mi è venuta in mente ricordando con affetto un particolare del programma “Viaggio nel Cosmo”, che assieme a mio padre abbiamo realizzato nel 1998. In quel programma, mio padre viaggiava tra i pianeti e nel cosmo a bordo di un’astronave. Quell’astronave si chiamava Noos. Forma arcaica del termine “nous”, questa parola in greco antico aveva diverse sfumature di significato, ma, sostanzialmente, voleva dire: “intelletto”. E così, viaggiare con l’intelletto automaticamente porta alla conoscenza e al sapere”.

Si chiamerà quindi “Noos” il nuovo programma di Alberto Angela. “È un omaggio alle esplorazioni nel sapere di mio padre e, al tempo stesso, rappresenta la continuazione dei viaggi nello spazio interstellare della conoscenza. Quel pulsante che avete visto serviva per accendere le luci interne di uno dei modelli di astronavi e stazioni spaziali usati nelle riprese in studio di “Viaggio nel cosmo”: per la tecnologia dell’epoca, non poteva rimanere in funzione più di 9 minuti per evitare sovraccarichi al sistema elettrico. Oggi, fortunatamente, le tecnologie ci consentono di fare molto meglio e realizzare cose allora impensabili.
Da quel pensiero, il passo è stato breve: è giunto il momento di “riaccendere”, ma per “ben più di nove minuti”, l’interruttore dell’astronave per un lungo viaggio nella divulgazione scientifica”.

Commenta