Siciliano conquista il titolo mondiale: Giuseppe Criminisi miglior pizzaiolo del mondo

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Siciliano conquista il titolo mondiale: Giuseppe Criminisi miglior pizzaiolo del mondo

Giuseppe Criminisi, un talentuoso pizzaiolo di Racalmuto, in Sicilia, ha conquistato il titolo di miglior pizzaiolo del mondo nella categoria “pizza classica” al 30° Campionato Mondiale della Pizza, tenutosi nei giorni scorsi presso la fiera di Parma. Criminisi ha battuto oltre 700 pizzaioli provenienti da tutto il mondo nella competizione, che ha visto la partecipazione di concorrenti da 52 Paesi, tra cui Algeria, Cile, Kuwait, Messico, Principato di Monaco, Paraguay e Polonia.

Giuseppe Criminisi vince il titolo di miglior pizzaiolo del mondo

Il giovane pizzaiolo siciliano, che lavora alla pizzeria “Il Carretto” di Racalmuto, ha espresso la sua soddisfazione per l’ambito premio, attribuendolo alla sua tenacia, passione e fiducia nelle proprie capacità. “Grazie alla mia tenacia, voglia e passione, ma soprattutto credendo in se stessi e nelle proprie capacità e potenzialità si arriva sul tetto più alto del mondo. Questo è quello che ripaga tutto”, ha dichiarato Criminisi.

Oltre al prestigioso titolo, Criminisi si è aggiudicato anche il premio speciale Parmigiano Reggiano. Questa vittoria rappresenta il culmine di una serie di partecipazioni al campionato mondiale da parte del talentuoso pizzaiolo, che è finalmente riuscito a salire sul gradino più alto del podio.

Cosa significa la vittoria di Giuseppe Criminisi per l’Italia e la pizza italiana?

Il sindaco di Racalmuto, Vincenzo Maniglia, ha voluto festeggiare il successo del suo concittadino attraverso i social media: “Complimenti al nostro concittadino Giuseppe Criminisi per il grande successo raggiunto con grande orgoglio per i Racalmutesi”, ha scritto il primo cittadino. Il successo di Giuseppe Criminisi al Campionato Mondiale della Pizza è motivo di orgoglio non solo per il giovane pizzaiolo e per i suoi concittadini, ma anche per l’intera nazione italiana, che vede confermata la sua reputazione di patria della pizza e dell’eccellenza culinaria.

Commenta