Incredibile ritrovamento nel mare siciliano: “neve” per 400 milioni di euro in una rete

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Incredibile ritrovamento nel mare siciliano: "neve" per 400 milioni di euro in una rete

Due tonnellate di cocaina dal valore di mercato stimato in oltre 400 milioni di euro sono state sequestrate al largo della costa orientale della Sicilia dalla Guardia di Finanza. Il recupero è stato effettuato da militari del Comando Provinciale di Catania e dal Gruppo Aeronavale di Messina. La droga era imballata per evitare infiltrazioni d’acqua e l’inabissamento ed era contenuta in circa 70 colli galleggianti scortati da un dispositivo luminoso di segnalazione e tenuti insieme da reti.

Secondo gli investigatori, la sostanza stupefacente era stata lasciata in mare da navi cargo con l’intenzione di recuperarla successivamente e trasportarla sulla terraferma. Si tratta di uno dei più ingenti ritrovamenti di sostanze stupefacenti mai effettuati sul territorio nazionale e la sua successiva commercializzazione avrebbe fruttato, sempre secondo le stime degli investigatori, guadagni per oltre 400 milioni di euro al dettaglio.

I colli sono stati avvistati durante le attività di controllo delle acque costiere della Sicilia orientale da unità aeronavali delle Fiamme Gialle. Successivamente, il nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Catania è stato attivato per coordinare le operazioni di recupero dei colli a mare e per svolgere i necessari approfondimenti.

Parallelamente, velivoli del Gruppo di Esplorazione Aeromarittima di Pratica di Mare e della Sezione Aerea di Manovra di Catania hanno effettuato un’attività di ricognizione aerea per verificare l’eventuale presenza di altri colli dispersi nell’area circostante a quella di rinvenimento. Dopo le attività aeree e in mare, unità specializzate del nucleo Pef di Catania hanno proceduto all’ispezione dei colli, riscontrando l’effettiva presenza all’interno degli stessi di numerosi panetti contenenti sostanza biancastra in polvere che, da un preliminare esame tramite l’utilizzo di test speditivi, è risultata essere cocaina.

Sulla base delle evidenze emerse, la Procura Distrettuale della Repubblica presso il Tribunale di Catania ha proceduto al sequestro di oltre 1.600 panetti, contenuti in circa 70 colli, per un peso lordo complessivo di quasi 2.000 chilogrammi.

Commenta