Blitz antidroga a Palermo, i NOMI degli arrestati

di Redazione Web
lettura in 3 minuti

I militari del nucleo operativo della Compagnia carabinieri di Palermo Piazza Verdi hanno eseguito 25 provvedimenti cautelari (4 in carcere, 5 agli arresti domiciliari, 7 di obbligo di dimora nel comune di Palermo e 9 di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), emessi dal gip nei confronti dei componenti di una organizzazione criminale che spacciava droga nel mercato di Ballarò.

ECCO I NOMI DEGLI ARRESTATI

in carcere vanno: Salvatore Mazzanares, 28 anni
Samir Farghaly Ahmed Adel, 21 anni
Fabio Benfante, 41 anni
Salvatore Rasa, 41 anni

Ai domiciliari: Salaheddine El Manaoui, 23 anni
Salvatore Cardinale, 24 anni
Dario Accardi, 36 anni
Francesco Paolo La Barbera, 21 anni
Manuel Picciotto, 20 anni

Obbligo di dimora nel comune di residenza
G.L.M., 20 anni
C.T., 27 anni
E.Z., 21 anni
G.L.V., 33 anni
P.S., 32 anni
G.D.M., 41 anni
C.S., 23 anni.

LE INDAGINI DEI CARABINIERI

L’attività d’indagine è iniziata tra giugno e dicembre del 2020 e ha permesso di scoprire una piazza di spaccio dove era possibile acquistare crack, ma anche cocaina, hashish, marijuana e suboxone. Il commercio era attivo 24 ore su 24. La zona dello spaccio era tra via Nunzio Nasi, Piazzetta Lucrezia Brunaccini e Via Mongitore. Gli acquirenti erano minorenni e turisti e studenti. Per assicurare una vendita al dettaglio costante per tutto l’arco della giornata l’organizzazione usava decine di pusher. Gli spacciatori avevano anche il ruolo di vedetta ed erano soliti segnalare l’arrivo delle forze dell’ordine utilizzando una parola in codice “Fairo” che dà il nome all’operazione dei carabinieri.

Le indagini hanno consentito di stimare il profitto giornaliero della banda in 4.000 euro circa. Nel corso dell’attività sono state monitorate 256 vendite di sostanze stupefacenti. Nei mesi scorsi sono già state arrestate in flagranza 10 persone e sequestrati circa 2 chili e mezzo di stupefacente. Tra i consumatori individuati figurerebbero soggetti di svariata estrazione sociale e geografica e anche una madre che si era recata nella piazza di spaccio col figlio neonato. Carabinieri del nucleo cinofili impiegati per l’esecuzione delle misure cautelari, durante le attività di perquisizione e controllo del quartiere eseguite con l’aiuto del cane antidroga Ron, hanno individuato una maxi serra di marijuana “indoor” allestita in un magazzino attrezzato con luci, tubi di areazione e sistema di irrigazione. Nella serra sono stati sequestrati diversi sacchi con infiorescenze di marijuana.

Commenta