Dramma a Palermo, uomo ha tentato di uccidere la ex: ricercato

di Redazione Web
lettura in 2 minuti

Ha tentato di uccidere la moglie dalla quale si stava separando con diverse coltellate. E’ successo a Palermo nell’abitazione di Altarello. I due coniugi si erano separati a Natale. La donna ieri mattina è tornata a casa pensando che il marito panettiere fosse al lavoro. Invece lo ha trovato in casa. L’uomo ha afferrato un coltello e l’ha aggredita colpendola più volte.

La donna di 47 anni è stata ricoverata ieri mattina all’ospedale Ingrassia dove è arrivata accompagnata dai figli, sotto choc e piena di tagli su tutto il corpo. Sono stati necessari 80 punti di sutura per medicare le ferite. L’uomo in queste ore è ricercato da polizia e carabinieri.

La 47enne avrebbe cercato in tutti i modi di difendersi, parando i colpi con le braccia e arrivando a bloccare la lama stringendola tra le mani. Il frastuono della lite avrebbe attirato l’attenzione degli altri familiari, intervenuti per bloccare l’uomo e soccorrere la donna che, con le ultime forze, sarebbe scappata dall’appartamento per poi stramazzare davanti al portone del palazzo.

In poco tempo si è creato un capannello di persone allarmate dalle urla. Il figlio e il cognato della donna sarebbero riusciti a bloccare per pochi istanti l’uomo che però, facendosi largo, sarebbe riuscito a fuggire a bordo di uno scooter.

“Scappò urlando che voleva ammazzarla per poi togliersi la vita”, riferisce un residente.Già qualcuno, assistendo alla scena, aveva segnalato alle forze dell’ordine quanto appena accaduto. Immediate sono scattate le ricerche congiunte da parte degli agenti di polizia e dei carabinieri che ora stanno setacciando la città per rintracciare l’uomo. Le sue generalità sono state diffuse a tutte le pattuglie in servizio per individuare il sospettato che sarebbe stato avvistato da qualcuno nella zona di viale Lazio. La donna, ascoltata a lungo nella caserma dei carabinieri dagli specialisti nei casi di codice rosso, è stata dimessa dall’ospedale ed è tornata a casa.

Commenta