Fuochi d’artificio per i detenuti, fenomeno continuo al Pagliarelli

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Fuochi d'artificio per i detenuti, fenomeno continuo al Pagliarelli

Fuochi d’artificio esplosi da alcuni parenti a ridosso del carcere Antonio Lo Russo di Pagliarelli a Palermo. Tanto vicini da dare l’impressione agli automobilisti che percorrevano viale Regione Siciliana che i fuochi pirotecnici fossero stati accesi dentro la cinta muraria del penitenziario. «La abbiamo segnalata più volte questa pericolosa moda introdotta a Palermo dai detenuti catanesi e napoletani – dice Gioacchino Veneziano segretario regionale della Uilpa Sicilia -. Abbiamo più volte chiesto di cercare di mettere fine a questo modo di festeggiare compleanni, anniversari o fine pena. Non succede solo a Palermo, ma anche a Trapani come abbiamo denunciato».

Ci sono tre punti precisi dove i familiari si posizionano per sparare i fuochi d’artificio. Se i petardi sono riservati ai detenuti di massima sicurezza i familiari esplodono i botti sopra il ponte di via Ernesto Basile che sovrasta viale Regione Siciliana.

Ieri è stato scelto un posto per i detenuti di media sicurezza e così è stata scelta la stradina che costeggia l’ex Baby Luna e arriva a un canile. Infine l’ultimo luogo è uno spiazzo nei pressi delle villette nella stradina che costeggia la Palermo Sciacca e porta al carcere. Una moda che crea proteste da parte dei residenti che più volte hanno chiesto interventi per mettere fine all’esplosione dei fuochi nei pressi del carcere.

Commenta