Scuola senza riscaldamenti a Palermo, bimba in ospedale per ipotermia

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Scuola senza riscaldamenti a Palermo, bimba in ospedale per ipotermia

Un’alunna della quinta elementare della scuola “Emanuela Loi” in via Dogali a Palermo, martedì scorso si è sentita male per il freddo, ha cominciato a tremare e a sentire intorpidimento alle gambe. E’ stata soccorsa dal 118 e portata in ospedale per ipotermia.

Nell’istituto i riscaldamenti sono spenti per un guasto e da qualche giorno e le temperature si sono abbassate notevolmente.

Il segretario della Flc Cgil Palermo Fabio Cirino esprime solidarietà alla dirigente scolastica Rosaria Corona dell’istituto Emanuela Loi di Passo di Rigano alla piccola studentessa, a tutti gli studenti, e a tutti i dirigenti scolastici che “nonostante l’abnegazione e l’enorme lavoro che svolgono ogni giorno si sentono spesso soli e abbandonati in trincea a combattere contro le inefficienze delle strutture edilizie scolastiche. Se il guasto c’è, ed è segnalato da tanto tempo, e accade un incidente, che altro c’è da fare, se non essere costretti a chiudere la scuola”.

«E’ motivo di dispiacere il malore occorso a una piccola alunna dell’istituto Emanuela Loi a causa del freddo che si è determinato per un guasto improvviso all’impianto di riscaldamento, che l’Amministrazione sta provvedendo rapidamente a riparare e che, già da domani, riporterà a normalità la situazione». Lo dichiara il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, che continua così: «La situazione delle scuole è nota. Ha accumulato ritardi di manutenzione e, quindi, con problemi gestionali non banali che l’Amministrazione sta provvedendo a risolvere, sia erogando direttamente somme a favore degli istituti scolastici, sia nell’ambito di un accordo quadro che, a seguito dell’approvazione del bilancio, questa Amministrazione, è stata in grado di avviare».

Commenta