Biagio Conte lotta contro il cancro: la sua ultima apparizione pubblica durante la messa commovente

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Biagio Conte, il missionario laico affetto da cancro, ha partecipato alla messa nella chiesa di via Decollati e alla messa del Battesimo di Gesù a Palermo nonostante la sua debolezza. La sua ultima apparizione pubblica è stata commovente e ricca di affetto

PALERMO – Biagio Conte oggi è apparso durante la messa nella chiesa dei Decollati. Il missionario laico, disteso su un lettino sotto il Crocifisso con poche forze rimaste, aveva espresso la sua volontà di prendere parte alla funzione eucaristica nella chiesa di via Decollati. Davanti a tanti fedeli, era avvolto in una coperta azzurra come i suoi occhi e verde come il saio che ha indossato per una vita.

Biagio Conte partecipa alla messa nella chiesa di via Decollati

Durante la messa del Battesimo di Gesù nella chiesa della Cittadella del povero e della speranza a Palermo, Biagio Conte è disteso su una lettiga vicino all’altare insieme a tanti fedeli. Nonostante non avesse la forza di recitare le preghiere o di cantare, era presente con gli occhi chiusi sotto la grande croce in legno, simile a quella che solitamente porta sulle spalle durante i suoi viaggi. Accanto a lui c’erano due volontari della Missione che lo accudiscono come un padre farebbe con i suoi figli. La messa è stata celebrata da don Pino Vitrano, don Sergio del Camerun e padre Giuseppe della parrocchia di Aquino, che hanno anche raccontato alcuni aneddoti su fratello Biagio.

Biagio Conte, inchiodato al letto dallo stato avanzato del cancro, è riuscito a lasciare la stanza per la prima volta dall’inizio dell’anno per partecipare alla messa della domenica. Nonostante la sua debolezza, è stato portato alla chiesa su un lettino, dove ha assistito alla celebrazione. Tuttavia, questa volta, non è riuscito a dire il solito “grazie” a Dio alla fine della messa. Quando è stato portato fuori dalla chiesa, i presenti hanno espresso la loro affetto con un forte applauso e si sono stretti attorno a lui, cercando di fissare nella memoria quell’ultima immagine.

Commenta