statistiche accessi

San Cipirello, assolto Vincenzo Geluso dall’accusa di diffamazione

L'ex sindaco assolto dal reato di diffamazione nei confronti del consigliere comunale Gaspare Scannaliato

Non vi sarebbe stata alcuna diffamazione. Per questo l’ex sindaco di San Cipirello, Vincenzo Geluso e il suo vice, Giuseppe Clesi, sono stati assolti. I due erano stati accusati proprio del reato di diffamazione nei confronti del consigliere comunale Gaspare Scannaliato. Lo ha stabilito il giudice di pace di Palermo accogliendo la tesi della difesa dei due ex amministratori del centro in provincia di Palermo.

In sostanza il giudice ha respinto le accuse formulate da Scannaliato, che nel frattempo si era costituito parte civile denunciando di essere stato leso dalle affermazioni pubbliche dell’ex sindaco Geluso.

I fatti risalgono al mese di ottobre del 2018 quando nel corso delle seduta consiliare dedicata alla risoluzione dei problemi legati alla gestione del servizio cimiteriale comunale, Geluso contestava a Scannaliato di avere acquistato una consistente quantita’ di diserbante a nome del Comune e di non avere provveduto al pagamento. Di conseguenza la ditta fornitrice aveva rifiutato, stante il debito, la fornitura di liquidi per la bonifica del cimitero. A seguito di una accesa discussione in consiglio comunale Scannaliato ha presentato presso la stazione dei carabinieri di San Cipirello una denuncia per diffamazione aggravata.

I legali Salvino e Giada Caputo, Francesca Fucaloro e Vincenza Lupo, difensori di Geluso, hanno presentato diverse dichiarazioni testimoniali, dimostrando che Geluso si era limitato a dare una informativa al Consiglio comunale senza esprimere giudizi diffamatori nei confronti di Scannaliato, producendo, tra l’altro, un documento che attestava l’acquisto del diserbante proprio ad opera del consigliere comunale. “Abbiamo dimostrato – dicono i legali – che, in ogni caso, la vicenda rientrava nella normale dialettica politica propria di un consesso comunale, rivendicando in favore di Geluso e Clesi il diritto alla critica politica”.

Rispondi