statistiche accessi

Gaia scomparsa sulla Genova-Palermo, mamma Angela disperata, “Non crediamo al suicidio”

La famiglia di Gaia non crede all'ipotesi del suicidio. La ragazza non avrebbe avuto alcun motivo per togliersi la vita e spunta anche un dettaglio su quel messaggio mai inviato all'ex fidanzato

Gaia, 20 anni, prende la nave per andare a trovare la nonna in Sicilia, e scompare. Nella puntata di “Chi l’ha visto?”, in diretta con Federica Sciarelli, l’appello della mamma: “Era serena, non crediamo al suicidio”. Che cosa è successo nella traversata Genova – Palermo? Di questo mistero se ne è parlato a Chi l’ha visto.

Cosa si sa di Gaia, scomparsa sulla nave per Palermo partita il 10 novembre

Il 10 novembre Gaia è scomparsa dalla nave Splendid. Dalla provincia di Cremona va a Genova per prendere la nave per Palermo per andare a trovare la nonna. Il fratello scende ma la sorella Gaia no. Di Gaia un messaggio vocale inviato alla madre Angela prima d’imbarcarsi, poi il nulla. L’impiegato della Gnv chiama la madre, non troviamo sua figlia. “Mi è caduto il mondo addosso – dice Angela, ero impotente”.

LEGGI ANCHE:  IL CASO DELLA PALERMITANA SANTINA RENDA

Gaia ha 20 anni, abita con i genitori e i due fratelli nel Cremonese. Una ragazza tranquilla, insieme al fratello di 15 anni si imbarca sulla Genova-Palermo ma da quella nave non sarebbe mai scesa. È mistero. “Abbiamo fatto il biglietto, dobbiamo essere qui per il check in, Non so se andiamo all’acquario”, questo il messaggio vocale inviato dalla figlia alla mamma. “Erano seduti sulle poltrone sulla nave”, dice Angela. Gaia aveva un po’ di mal di mare ha raccontato il fratello, si è addormentato ma non ha più trovato la sorella. Ha trovato la felpa sul sedile del ponte. Poi ha dato l’allarme dopo averla cercata ovunque. Gaia non torna e scatta l’allarme. Scattano le ricerche ma della ragazza nessuna traccia. Tuta la nave è stata controllata ma niente.

Cosa è successo a Gaia?

La procura di Palermo ipotizza che la ragazza si sia gettata in mare dal ponte in cui è stata trovata la felpa. La famiglia di Gaia però non cede all’ipotesi del suicidio. “Aveva tanti progetti in mente, stava prendendo la patente, stava preparando il curriculum per trovare lavoro. Non era triste o disperata. Non vai a guardare l’acquario di Genova se c’è qualcosa che non va. Non ha mai dato segni di squilibrio.Non era depressa”.

Il mistero sul messaggio al fidanzato mai inviato

Un messaggio trovato sul cellulare della ragazza fa pensare al suicidio. “Ti amo, addio”. Un messaggio mai partito dal cellulare visto che non c’era segnale ma che secondo l’avvocato della famiglia, Aldo Ruffino, è al momento solo una indiscrezione giornalistica. “Non bisogna fermarsi qui – dice la mamma – Non ho mai notato nulla di strano. Stava insieme con fidanzato da tre mesi, è impossibile”. Anche il fidanzato non cede all’ipotesi del suicidio”. Ora l’appello è rivolto alle persone che si trovavano sulla Genova-Palermo della GNV del 10 novembre. “Ogni dettaglio può essere di fondamentale importanza, non possiamo perdere una figlia a 20 anni. Mamma, papà e fratelli vogliono sapere la verità”.

Rispondi