statistiche accessi

Canadair precipitato, i piloti dispersi sono Matteo Pozzoli e Roberto Mazzone

Sono riprese, a monte Calcinera, nel Catanese, le ricerche dei due piloti che ieri pomeriggio erano a bordo del Canadair 28 precipitato

Matteo Pozzoli, 58 anni, e Roberto Mazzone, 62 anni, sono i piloti che risultano dispersi in seguito all’esplosione del Canadair avvenuta a Linguaglossa, dopo che il velivolo è precipitato nel corso di una missione antincendio. I loro corpi non sono ancora stati trovati dai soccorritori che stamattina hanno ripreso le ricerche tra i rottami incendiati.

Chi sono i piloti che risultano dispersi

Sul Can 28, precipitato ieri durante una missione sull’Etna, c’erano dunque Matteo Pozzoli, originario di Erba, in provincia di Como, e Roberto Mazzone, di Salerno. Matteo Pozzoli è un ex pilota militare. La famiglia di Matteo è molto conosciuta in città. Il padre, Filippo Pozzoli, è stato sindaco dal 1995 al 2002.

L’aereo antincendio era impegnato nella zona di Linguaglossa ed era in azione su una vasta area andata in fiamme.
Il Canadair, come si vede dalle immagini, è avvicinato al fianco della montagna carico di acqua. Ha aperto il portellone sull’area interessata dal rogo sfiorando un costone, ma dopo una virata a destra ha urtato il pendio con l’ala e immediatamente è finito fuori controllo quando ancora stava scaricando l’acqua. Un impatto terrificante.

Aperta una inchiesta dalla procura di Catania sulla tragedia

C’è stata subito un’esplosione. Il mezzo aereo dei vigili del fuoco aveva fatto da poco rifornimento in mare, nella zona davanti a Giarre, per poi riprendere l’operazione di spegnimento dell’incendio che si è sviluppato nella zona di monte Calcinera. Allo schianto ha fatto seguito un’esplosione, che ha causato un vasto rogo.

Alle ricerche partecipano i vigili del fuoco, che utilizzeranno anche droni, e personale del corpo Forestale e della Protezione civile regionale. Sull’incidente indagano i carabinieri della compagnia di Randazzo, coordinati dalla Procura di Catania.

Rispondi