E’ morta Asia, la ragazzina investita da un’auto ad Alcamo, aveva 12 anni

Nonostante le operazioni al Civico e le cure dei medici dell'ospedale Di Cristina, l'ospedale dei Bambini di Palermo, la piccola non ce l'ha fatta

Una tragica notizia arriva dall’ospedale di Bambini di Palermo. Asia non ce l’ha fatta. Si tratta della ragazzina che era rimasta coinvolta in un grave incidente avvenuto ad Alcamo Marina nei giorni scorsi. La ragazzina, mentre passeggiava sulla ex SS187, in pieno centro abitato, è stata travolta da un’automobile condotta da un ragazzo lo scorso 12 Settembre.

Nonostante le operazioni al Civico e le cure dei medici dell’ospedale Di Cristina, l’ospedale dei Bambini di Palermo, la piccola non ce l’ha fatta. Una notizia che ha provocato profondo dolore e sgomento nella città in provincia di Trapani e non solo. In tanti infatti speravano per le sorti della ragazzina di soli 12 anni.

Era giunta in condizioni critiche la ragazzina alcamese di 12 anni investita in via Carabinieri Falcetta e Apuzzo, in contrada Canalotto, ad Alcamo Marina. Era stata trasportata in elisoccorso a Palermo ed era stata sottoposta a un intervento chirurgico all’ospedale Civico di Palermo per poi essere trasferita all’ospedale pediatrico “Di Cristina”. Qui era stata ricoverata in prognosi riservata. La giovanissima Asia aveva riportato un grave trauma cranico a causa dell’impatto violentissimo con l’automobile. Aveva anche perso molto sangue una volta caduta sull’asfalto.

Nelle ultime ore però la situazione è precipitata e per la ragazzina, purtroppo, non c’è stato più nulla da fare. Ogni speranza si è spenta. Sui social la notizia gira dalla serata di ieri. “Una triste notizia – si legge in un post – È deceduta la piccola Asia”.

In seguito alla morte della ragazzina, ora si aggrava la posizione del giovane conducente che era indagato per lesioni stradali gravissime. Al vaglio degli inquirenti non soltanto la probabilità che sia stato abbagliato dal sole nel momento in cui ha centrato in pieno la ragazzina, ma soprattutto che stesse procedendo a velocità sostenuta, per poi fermare la corsa dell’auto diversi metri più avanti.

I commenti sono chiusi.