Le sospensioni di un’auto moderna sono composte da molti elementi diversi: ammortizzatori, cuscinetti, leve e simili. Ognuno di questi elementi ha un proprio scopo. La manutenzione di tutte le parti della sospensione garantisce il funzionamento sicuro del veicolo. In questo articolo parleremo degli ammortizzatori e del cuscinetto di supporto dell’ammortizzatore.

Gli ammortizzatori del veicolo svolgono diverse funzioni importanti. La prima, la più evidente per le persone, è quella di garantire il comfort durante la guida, attenuando buche e dossi. Tuttavia, questa funzione non è la più importante.

La sicurezza di guida dipende dall’efficienza degli ammortizzatori: se gli ammortizzatori si guastano, il contatto con la superficie stradale si deteriora e, di conseguenza, la guidabilità dell’auto. Gli ammortizzatori difettosi portano anche alla rapida distruzione degli elementi della sospensione e di altri componenti.

Il compito principale degli ammortizzatori è quello di mantenere la ruota in costante contatto con la strada per evitare la perdita di controllo dell’auto. La ruota deve aggirare un ostacolo nel modo più fluido e chiaro possibile e tornare sulla strada nel modo più chiaro e veloce possibile, fornendo la trazione necessaria.

Principali tipi di ammortizzatori

Esistono tre tipi di componenti, che si differenziano per i parametri di prestazione:

  • Ammortizzatori ad olio. Convenienti per la guida in città a velocità moderata, ma categoricamente non adatti al fuoristrada.
  • A gas. La scelta degli automobilisti che preferiscono uno stile di guida aggressivo o che viaggiano spesso in fuoristrada. Grazie all’elevata rigidità, i montanti a gas garantiscono la stabilità del veicolo su qualsiasi superficie. Tuttavia, il comfort di guida con questi ammortizzatori è notevolmente ridotto.
  • A gas e olio. Sono una combinazione dei primi due tipi, quindi hanno un’elevata rigidità e garantiscono il comfort di guida su qualsiasi superficie stradale. Molti automobilisti preferiscono scegliere questo tipo di ammortizzatore anche per il costo contenuto.

 

Qual è il ruolo del cuscinetto di supporto

La presenza di questa parte consente all’ammortizzatore di ruotare liberamente nel supporto superiore senza opporre resistenza. Questo elemento di sospensione si trova leggermente al di sopra della molla anteriore e l’asta dell’ammortizzatore vi passa attraverso. In alcuni modelli, le caratteristiche di progettazione prevedono l’uso di una struttura prefabbricata o di un unico pezzo. In ogni caso, è qui che l’ammortizzatore è fissato alla carrozzeria del veicolo. Nella maggior parte dei casi, i malfunzionamenti di questa parte si verificano a causa dell’ingresso di detriti nella struttura. In condizioni di manto stradale scadente, queste situazioni si verificano molto spesso.

Segni di ammortizzatori e cuscinetti difettosi:

  1. Un rumore di battito proveniente dalla parte anteriore dell’auto quando il conducente gira il volante. A volte il battito si trasmette al volante;
  2. Diminuzione della maneggevolezza del veicolo;
  3. Cambiamento della sensazione quando si gira il volante;
  4. L’auto ha perso stabilità: anche su tratti di strada rettilinei, l’auto si sposta da un lato o dall’altro.
  5.  Scuotimento sensibile dell’abitacolo;
  6. Suoni forti (rumori o rimbombi) quando si superano buche o dossi;
  7. Aumento dello spazio di frenata;
  8. Rapida usura degli pneumatici a causa della scarsa trazione.

Non è molto difficile cambiare il cuscinetto di supporto e il lavoro può essere eseguito da quasi tutti gli automobilisti con gli strumenti necessari e almeno un po’ di esperienza da fabbro. Per rimuovere l’ammortizzatore, mettere l’auto sul cric, sollevarla, rimuovere la ruota, per affidabilità appoggiare l’auto sul puntello. A questo punto è necessario svitare i dispositivi di fissaggio con una chiave. Successivamente, svitate i bulloni della cremagliera: in questo caso potrebbero essere necessarie chiavi con manici lunghi per creare una forza normale. Dopo aver svitato tutti i dadi, si rimuove il vecchio ammortizzatore e si mette al suo posto il nuovo ammortizzatore. Si consiglia di utilizzare una chiave dinamometrica per serrare i dadi. Quando si sostituisce un ammortizzatore e un cuscinetto, il secondo deve essere sostituito in una sola volta: di solito vengono sostituiti in coppia, non uno alla volta. 

Fonti di informazione:

Informazioni sui cuscinetti per ammortizzatori da tuttoautoricambi.it

Informazioni sugli ammortizzatori da  autofficinasantuliana.com

I commenti sono chiusi.