Paura batterio Legionella a Palermo, chiuso un hotel ed evacuato un palazzo

Dopo l'hotel Politeama, un altro allarme ha fatto salire i livelli di attenzione sulla presenza del temuto batterio

Paura batterio della Legionella a Palermo per diversi campioni rilevati all’interno di un hotel e di uno stabile. Adesso in città monta la paura e le autorità sanitarie stanno elevando i livelli di allerta.

Già nella giornata di ieri, 13 settembre, il sindaco di Palermo ha firmato un’ordinanza che impone la sospensione dell’hotel Politeama per la presenza del batterio della Legionella. Si tratta di un batterio che si annida nell’acqua e che può causare gravi problemi all’apparato respiratorio fino alla polmonite. Gli ospiti dell’albergo di Piazza Ruggero sono stati trasferiti in altre sedi.

Oggi però un altro allarme ha fatto salire i livelli di attenzione sulla presenza del temuto batterio, trovato anche all’interno di una palazzina di via Principe di Belmonte. L’intero stabile è stato evacuato a scopo precauzionale.

L’allerta è massima. L’ASP di Palermo sta monitorando costantemente la situazione mentre l’AMAP fa sapere che non è direttamente coinvolta in quanto i casi segnalati riguardando esclusivamente impianti privati a valle dei contatori. A Palermo però aumenta la paura.

Non è il primo caso di Legionella a Palermo. Nei mesi scorsi il batterio è stato rilevato a Villa Niscemi, sede del sindaco di Palermo, che è tuttora chiusa, e nella piscina comunale di Viale del Fante, riaperta dopo parecchie sanificazioni.

I commenti sono chiusi.