Rubati a Bagheria di 200mila euro in contanti da una casa, 4 arresti

Il furto risale al 21 agosto, quando, tra le sei e sette di mattina, i quattro sarebbero entrati in casa di un uomo portando via 200 mila euro in cantanti, un orologio di valore e una pistola

Gli investigatori sono riusciti a mappare la via di fuga dei tre soggetti, non solo sono riusciti a estrapolare i frame che immortalavano i loro volti

Maxi furto a Bagheria di 200 mila euro in contanti e quattro persone arrestate. Si tratta di un uomo di 53 anni e tre giovani di 30, 27 e 21 anni. Sono accusati di avere messo a segno un grosso furto in casa a Bagheria. Il provvedimento è stato emesso dal gip di Termini Imerese.

Il furto risale al 21 agosto, quando, tra le sei e sette di mattina, i quattro sarebbero entrati in casa di un uomo portando via 200 mila euro in cantanti, un orologio di valore e una pistola calibro 7.65 regolarmente detenuta e 7 cartucce. La vittima era uscita insieme ad un conoscente per acquistare alcuni terreni. Grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona si è risaliti all’uomo di 53 anni, proprio il conoscente che avrebbe accompagnato la vittima fuori da Bagheria. Il tempo necessario per consentire ai complici di mettere a segno il colpo.

Le telecamere registrano i movimenti di tre soggetti che appiedati, dopo aver visto andare via i due, si sono diretti presso l’abitazione della vittima e con una scala in legno, di quelle utilizzate in agricoltura, hanno fatto accesso al primo piano dello stabile, facendovi accesso da una finestra rimasta aperta, dopo poco li si vedeva uscire con un borsone.

Gli investigatori sono riusciti a mappare la via di fuga dei tre soggetti, non solo sono riusciti a estrapolare i frame che immortalavano i loro volti, ma hanno individuato il mezzo, un furgone cassonato (con all’interno del cassone la scala utilizzata per accedere all’immobile della vittima), da loro utilizzato per fuggire che, dagli accertamenti effettuati, è risultato essere nella disponibilità del 53enne che si era allontanato con il derubato. Nell’immediatezza dei fatti all’interno di quei locali gli agenti hanno trovato e sequestrato 800 euro. Altri 60.000 euro sono stati inoltre rinvenuti e posti sotto sequestro, nell’abitazione di un altro dei presunti complici.

I commenti sono chiusi.