Le botte e il caldo, Chow chow azzanna padrone: ora è gravissimo al Civico di Palermo

Il mondo dei social si è schierato in maggioranza dalla parte del cane. L'uomo ora è ricoverato a Palermo

È una delle razze di cane più docili che esistano, il Chow Chow. Un cane di cui in queste ore si sta parlando abbastanza dopo il cado di aggressione avvenuto a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. di cui abbiamo già scritto ieri LEGGI QUI.

Il mondo dei social si è schierato in maggioranza dalla parte del cane. Secondo alcuni testimoni, il cane, un Chow chow, appunto, ha aggredito il proprio padrone di 35 anni dopo che questi lo avrebbe picchiato. I fatti si sono svolti in una spiaggia. Il cane, molto probabilmente già irritato dal forte caldo proveniente dal sole cocente e dalla sabbia, non si sarebbe contenuto dopo aver subito alcune angherie del padrone.

Il cane ha azzannato il padrone in varie parti del corpo davanti agli occhi attoniti di numerosi bagnanti che hanno assistito alla scena. L’uomo, grondante di sangue per le ferite riportate, è stato subito soccorso dal 118 e trasportato in eliambulanza in ospedale. Le sue condizioni sono giudicate gravi dai medici dell’ospedale Civico di Palermo, dove è stato trasferito in codice rosso.

Della vicenda se ne stanno occupando i poliziotti del locale commissariato che hanno ascoltato i testimoni per capire cosa abbia scatenato la furia del cane che, nonostante le piccole dimensioni, ha azzannato gravemente il padrone. Dai racconti sarebbe stato confermato che il trentacinquenne, mentre erano in spiaggia, abbia picchiato il proprio cane. L’animale ha all’improvviso reagito mordendo il padrone.

Sui social è partita la macchina dei commenti. La stragrande maggioranza degli utenti si è schierata col cane. In tanti hanno sottolineato il fatto che il 35enne non ha fatto i conti con l’indole dell’animale, che, seppur buono e giocherellone, può diventare nervoso e irrequieto se sottoposto a forte stress, soprattutto a una condizione di forte caldo come quella della spiaggia. Come se non bastasse il cane sarebbe stato picchiato. Inevitabile, dunque, secondo i commentatori della notizia, la difesa del Chow chow.

 

I commenti sono chiusi.