Home Economia Scopo e malfunzionamenti del filtro dell’aria nell’automobile

Scopo e malfunzionamenti del filtro dell’aria nell’automobile

0

Come è noto, il motore a combustione interna di un’automobile funziona con una miscela di carburante, composta da benzina o gasolio e aria. Il rapporto tra carburante e aria per una combustione ideale è di 14,7 a 1, da cui si evince che l’aria viene utilizzata in misura decisamente maggiore. È difficile definire cristallina l’aria che viene prelevata dall’atmosfera. Per questo motivo, passa prima attraverso i filtri dell’aria, per non causare danni ai motori. Se l’aria viene fatta passare all’interno senza essere pre-pulita, metterà rapidamente fuori uso il motore. In ogni auto con motore a combustione interna è presente un filtro dell’aria, per cui è importante conoscerlo.

Di conseguenza, il filtro è necessario per far passare l’aria, intrappolando le particelle solide al suo interno. Sembra abbastanza semplice.

Il principio generale del filtro dell’aria può essere descritto come segue. L’aria entra nell’involucro del filtro attraverso diverse aperture. Nell’involucro, quest’aria è attesa da una parete sotto forma di elemento filtrante. Questo elemento è come un custode nocivo che non può essere aggirato. Grazie al dialogo con questo filtro, l’aria pulita passerà più avanti nella presa d’aria, ma la polvere e la sporcizia si fermeranno nel filtro dell’aria e non passeranno più.

Il filtro dell’aria può fare una grande differenza nelle prestazioni dell’auto. Un filtro dell’aria pulito e correttamente installato migliora il risparmio di carburante, prolunga la durata del motore, riduce le emissioni e migliora notevolmente la risposta del postcombustore. Un risultato impressionante per un componente spesso trascurato.

La maggior parte dei produttori raccomanda di sostituire il filtro dell’aria ogni 20.000 miglia o ogni 12 mesi, a seconda di quale dei due eventi si verifichi per primo. Tuttavia, il filtro dell’aria deve essere sostituito più frequentemente se si vive in aree agricole o in qualsiasi altra zona con alti livelli di polvere e altri contaminanti nell’aria.

Immagine tratta da pezzidiricambio24.it

Per controllare personalmente il filtro dell’aria, è necessario prima rimuoverlo. Questa operazione può essere eseguita da chiunque senza particolari abilità. Il filtro si trova sotto il cofano, in una speciale scatola di plastica. È chiuso da un coperchio, fissato con chiavistelli o viti. Nel primo caso, è possibile aprirlo senza attrezzi, mentre nel secondo è necessario utilizzare un cacciavite.

Successivamente, è necessario rimuovere il filtro e valutarne visivamente le condizioni. Per comodità, i produttori rendono sempre luminosi gli elementi sintetici che trattengono la polvere: giallo, bianco e così via. In questo modo è facile distinguere eventuali contaminazioni. Se il filtro è pulito, si può tranquillamente reinserirlo e continuare a lavorare.

Se invece si notano tracce di polvere, sporcizia, olio motore e altre sostanze, soprattutto in grandi quantità, è bene pensare di sostituirlo. Inoltre, si consiglia di verificare la traslucenza del pezzo avvicinandolo a una fonte di luce.

Se si decide di sostituirlo, è opportuno rimuovere il vecchio pezzo, installare quello nuovo al suo posto e fissarlo saldamente. Fate particolare attenzione che non ci siano spazi vuoti tra le pareti della scatola e le guarnizioni del filtro, altrimenti la polvere potrebbe bypassare il filtro ed entrare nel motore. Una volta posizionata la nuova cartuccia, chiudere il coperchio e fissarlo. In questo modo si completa la procedura di sostituzione del filtro dell’aria.

Il problema della sostituzione del filtro dell’aria è puramente individuale e dipende dal vostro stile di guida. Se si guida in città in estate e l’auto viene parcheggiata in inverno, è possibile sostituirlo prima della stagione successiva. Se invece guidate l’auto tutti i giorni, preparatevi a cambiare il filtro ogni 10-15 mila chilometri. Ancora, se avete guidato nella polvere e poi siete finiti sotto la pioggia battente, è meglio cambiare immediatamente il filtro.

Il filtro può dirci che il motore sta chiedendo aiuto. Se ci sono tracce di olio sul filtro, è il momento di recarsi da un meccanico e parlare di eventuali spese. Non dimenticatevi dei filtri e, meglio ancora, andate dal vostro cavallo e controllate quella scatola nel vano motore per vedere se è arrivato il momento di sostituire il filtro dell’aria con uno nuovo.

Articolo precedenteFischi e urla, Matteo Salvini contestato a Lampedusa
Articolo successivoIl presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci si è dimesso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui