Home Cronaca Incidente stradale stermina una famiglia siciliana, 3 morti e 4 feriti

Incidente stradale stermina una famiglia siciliana, 3 morti e 4 feriti

0

Antonino Marsala, Raffaella Magliaro e loro figlio Lorenzo di 15 anni. Sono i nomi delle tre vittime siciliane di un grave incidente stradale avvenuto a Settimo Rottaro, in provincia di Torino.

Antonino Marsala aveva 40 anni, sua moglie Raffaella Magliaro 32 e il figlio 15 anni. Erano tutti di Calamonaci, ma vivevano nel Regno Unito. Sono morti in un incidente stradale avvenuto sul raccordo autostradale Ivrea-Santhià che collega l’autostrada A4 Torino-Milano con la A5 Torino-Aosta, al confine tra le province di Biella e di Torino, nella prima serata di ieri.

A scontrarsi una Toyota Yaris, e una Fiat Panda, finita nella scarpata a bordo carreggiata. I tre deceduti erano a bordo di quest’ultima vettura. Sulla Yaris invece viaggiavano quattro persone rimaste ferite, ma non in pericolo di vita. L’impatto è avvenuto nella carreggiata in direzione di Ivrea.

Il sindaco di Calamonaci, Pino Spinelli, ha pubblicato un messaggio di cordoglio sui social, precisando che, «da quanto si apprende», i tre «stavano rientrando dall’Inghilterra verso la Sicilia, per un periodo di ferie, per incontrare nuovamente i parenti e in occasione dell’ormai prossima festa di San Vincenzo Ferreri».Le indagini sono in corso da parte delle autorità preposte per capire meglio la dinamica dell’incidente e per stabilire cosa abbia portato a questa terribile disgrazia.

Spinelli si è stretto subito attorno ai familiari e parenti: «Sono molto addolorato e colpito da quanto è successo. La famiglia Marsala viveva da tempo in Inghilterra, ma a Calamonaci aveva ancora molti parenti, familiari e amici. Da quanto ho appreso, avevano deciso di rientrare a Calamonaci, in questi giorni, proprio per assistere alla tradizionale festa dedicata al nostro patrono, San Vincenzo Ferreri, che ci apprestiamo a vivere dopo tre anni di pandemia e restrizioni che non ce lo hanno permesso. Rivolgo le mie più sentite condoglianze – conclude il sindaco Spinelli – a questa famiglia distrutta dal dolore in questo momento di terribile angoscia. A nome mio e dell’amministrazione comunale di Calamonaci che presiedo, siamo uniti a loro con la preghiera e con la solidale vicinanza umana e fraterna. Disgrazie come questa lasciano attoniti e non dovrebbero mai accadere. Che il Signore li possa accogliere tra le Sue braccia».

Articolo precedenteSembra un nastro ma sono uova, spettacolo nei fondali di Pantelleria
Articolo successivoScoperti e denunciati 117 furbetti del Reddito di cittadinanza in provincia di Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui