Home Economia Sempre più in voga il turismo di svago

Sempre più in voga il turismo di svago

0

C’è una cosa che accomuna studenti e lavoratori: le ferie! Che siano scolastiche oppure lavorative, poco cambia, le vacanze estive sono quelle più attese dalla maggior parte degli italiani. In questi giorni di puro relax, sono tantissime le attività che chiunque può fare, tra cui viaggiare. Partire per nuove mete è sicuramente qualcosa di affascinante, non solo perché ci si stacca dalla solita routine, soprattutto perché si vedono posti nuovi e si scoprono cose che mai avevamo vista prima d’ora, allargando la propria conoscenza. Viaggiare fa parte del bagaglio culturale delle persone ed è importante poterlo fare. 

Chiaramente quando ci troviamo nella stagione estiva, la prima meta che viene in mente è quella marittima. Partire per andare alla scoperta delle spiagge più belle (e dell’amato relax) è una pratica consolidata, con le persone che prendono d’assedio le mete più belle che si possano immaginare. Un esempio è la Sicilia, isola italiana che ogni anno incanta i turisti con l’acqua cristallina e il buon cibo. Certo, il caldo record di questi giorni non aiuta, ma con le giuste precauzioni si possono passare delle giornate indimenticabili.

Ovviamente sono molteplici le motivazioni che spingono le persone a praticare il turismo, tra cui quello ludico.

Turismo culturale, religioso, gastronomico e…di gioco!

Come detto in precedenza, sono tantissime le motivazioni che spingono le persone a intraprendere un viaggio. Uno dei grandi classici è sicuramente quello culturale. Chiaramente in questo caso si va alla scoperta di una città/nazione andando a visitare i luoghi ricchi di arte, storia e folklore. Chiese, musei, siti archeologici, sono i luoghi preferiti di chi vuole scoprire di più e placare la propria fame di conoscenza. Prendendo sempre come nostro esempio la Sicilia, questa è ricca di siti archeologici e luoghi mozzafiato che raccontano molto dell’isola, come la Valle dei templi di Agrigento, il parco archeologico di Selinunte e tantissimi altri. 

C’è poi il turismo sportivo. Sono quei luoghi dove il viaggiatore può rivivere momenti iconici dello sport e ricreare quelle stesse emozioni. Basti pensare al Mondiale 2006 vinto dalla Nazionale italiana di calcio a Berlino. L’Olympiastadion da quel momento in poi è diventato un posto sacro, con un enorme pellegrinaggio di tifosi italiani. C’è poi il turismo sportivo attivo, ovvero un tipo di turismo dove la persona si reca in un determinato luogo per praticare uno sport, ad esempio lo snowboard.

Non può mancare quello dedicato alla religione e all’enogastronomia. Il primo tipo include i viaggi nei luoghi ritenuti sacri o per partecipare ad eventi religiosi, così come i pellegrinaggi. Sono esperienze che non servono solo ad ammirare l’arte sacra o antichi posti, ma servono soprattutto per purificare l’anima. Un esempio pratico è il Vaticano. Molti fedeli si recano nel piccolo stato nella città di Roma per assistere alla messa del Papa. Il secondo caso, quello enogastronomico, porta alla scoperta degli odori e dei saporii della terra ospitante.

Infine negli ultimi anni sta spopolando il turismo legato al gioco. Sono sempre di più le persone che prendono parte a questo tipo di viaggi, specialmente dopo l’esplosione dei siti di gioco online. Anche in Italia è una pratica consolidata, merito del settore casinò mobile italiano, che ogni giorno colleziona migliaia di giocatori. Giocare ai grandi classici online ha spinto molti utenti a recarsi dal vivo nei casinò: le città più frequentate sono Venezia, Monte Carlo, Sanremo e la Capitale del gioco Las Vegas. Questo tipo di turismo riesce a portare un enorme quantità di introiti, sia per l’economia della città sia per la struttura. 

Proprio in Sicilia c’è un dibattito in atto da anni: le persone credono, infatti, l’edificazione di un casinò rilancerebbe l’economia dell’isola, con una serie di turisti pronti a trafficare le state per provarlo. La sua costruzione sarebbe un’ottima opportunità con creazioni di posti di lavoro, rilancio degli alberghi e ristoranti, oltre alla nascita di spazi turistici per rendere super confortevole il soggiorno dei turisti. Inoltre si eviterebbe “l’emigrazione” di giocatori italiani sulle piattaforme online oppure verso mete turistiche caratteristiche del gioco d’azzardo.

Articolo precedenteTerremoto in provincia di Palermo magnitudo 3.1
Articolo successivoBatterio killer, strazio al funerale del piccolo Domenico Bandieramonte

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui