Home Società In Sicilia spunta un distributore di benzina che parla siciliano

In Sicilia spunta un distributore di benzina che parla siciliano

Una novità che sta divertendo i tantissimi automobilisti

0

In Sicilia esiste un distributore di carburante che parla in dialetto siciliano. Così, per non pensare agli aumenti dei prezzi, i clienti possono farsi una bella risata. La geniale trovata è del gestore di una pompa di benzina di favara, in provincia di Agrigento.

“Scrivu u codice ncapu a tastiera e poi pi confermari premi u buttuni virdi… operazione in corso… aspetti un minutu … leva a carta e ti ni va a pompa sette”, queste sono le indicazioni che fornisce il distributore parlante della stazione di servizio che si trova in Viale Pietro Nenni a Favara.

La voce guida, in lingua siciliana e accento rigorosamente favarese, ca, dà le istruzioni ali automobilisti su come fare rifornimento in modalità fai-da-te. “O ci metti nantra banconota oppure seleziona a pompa… aspetta un minutu… vatinni a pompa otto”, questa la modalità di pagamento in contante.

Una novità in paese tanto che la stazione di rifornimento viene presa d’assalto da molti clienti, che per non pensare ai costi della benzina del momento, cercano almeno di farsi una bella risata. pagare e sorridere insomma. Anzi, “pagari e ridiri”.

Il terminale del distributore self service che parla in dialetto è stato messo a punto dall’azienda Fortech in collaborazione con Eni e si basa su smartOPT, un sistema che, oltre a permettere di scegliere lingue internazionali diverse dall’italiano, consente anche d’impostare il dialetto del luogo. L’obiettivo è valorizzare le lingue e la cultura del territorio.

Una novità che sta divertendo i tantissimi automobilisti che in queste ore stanno facendo rifornimento presso la stazione Eni di Patti Carburanti. Da qualche giorno infatti la colonnina del self service comprende tra le opzioni anche il dialetto, diventando più familiare, quasi di casa.

Articolo precedenteSpacciatore e furbetto del Reddito di cittadinanza arrestato a Palermo: in carcere
Articolo successivoIl mare è una fogna, da Trappeto a Palermo le zone inquinate secondo Goletta Verde

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui