Ci sono auto, conti e due imprese edili intestate a padre e figlio tra i beni sequestrati dalla Dia di Palermo a un . imprenditore condannato in Appello per associazione mafiosa e giudicato socialmente pericoloso nell’ambito di questo provvedimento.

La Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito, su disposizione del Tribunale di Palermo, il provvedimento di sequestro di beni mobili ed immobili e quote aziendali nella disponibilità di un imprenditore attivo nel settore edile. L’uomo, arrestato nell’ambito di un’operazione antimafia, è stato condannato dalla Corte di Appello di Palermo alla pena di anni 5 di reclusione per aver fatto parte di “Cosa Nostra” con il ruolo di soggetto deputato a tenere i rapporti tra i sodali e un boss latitante informando quest’ultimo di tutte le vicende dell’associazione, affidandogli la gestione della “cassa” della famiglia attraverso la riscossione delle ingenti somme di denaro.

Il provvedimento eseguito trae origine dalla proposta di applicazione di misura di prevenzione a firma congiunta del Procuratore della Repubblica di Palermo e del Direttore della Direzione Investigativa Antimafia sulla scorta di complessi accertamenti patrimoniali. Gli investigatori hanno effettuato una ricostruzione contabile estesa al nucleo familiare dell’indagato e, così, delineato quella che l’accusa ritiene una rilevante sproporzione tra le risorse reddituali lecite e il cospicuo patrimonio a lui riconducibile costituito da beni mobili, immobili e società frutto di attività illecite poste in essere nel corso degli anni.

Il Tribunale di Palermo ha quindi formulato nei confronti dell’imprenditore, un giudizio di pericolosità sociale qualificata e ha disposto il sequestro del suo patrimonio costituito da immobili, terreni edificabili, nonché della quota pari al 95% di un’impresa edile, del capitale sociale e del compendio aziendale di un’altra azienda operante nel medesimo settore intestata al figlio, autovetture, conti correnti e rapporti finanziari per un valore complessivo di circa mezzo milione di euro.

Articolo precedenteViolenta rapina a Palermo, due giovanissimi arrestati (VIDEO)
Articolo successivoTre giorni di agonia, muore Giovanni Bucolo dopo grave incidente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui