In Sicilia farà ancora più caldo, allarme della Protezione civile

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
In Sicilia farà ancora più caldo, allarme della Protezione civile

Il caldo continua a imperversare in Sicilia e col passare delle ore si farà ancora più intenso. Questa è la previsione del dipartimento regionale di protezione civile è diramato l’allerta per rischio incendi e ondata di calore per domani 30 giugno.

E nei prossimi giorni la situazione non tenderà a migliorare. “A seguito del rafforzamento dell’anticiclone nord-africano – recita una nota del dipartimento di Protezione Civile – che già ha interessato il territorio della regione siciliana da diversi giorni causando importanti anomalie sulle medie delle temperature e delle precipitazioni riferite al mese di giugno 2022, nelle prossime giornate è previsto un ulteriore afflusso di aria calda”.

Di conseguenza, il sistema nazionale sulla previsione delle Ondate di Calore, visto il persistere delle alte temperature da oltre tre giorni consecutivi, nel confermare per la giornata del 30 giugno il Livello 3 di rischio per le città metropolitane di Palermo, Messina e Catania, segnala per la giornata del 1 luglio 2022 un ulteriore incremento della temperatura massima percepita che, per la città di Palermo, potrebbe raggiungere la soglia dei 39°C. Anche per le altre due città metropolitane siciliane la temperatura percepita sarà alta, con picchi di circa 36/37°C.

“Si raccomanda di uscire di casa nelle ore meno calde delle giornate, di evitare l’attività fisica intensa all’aria aperta durante gli orari più caldi e di indossare un abbigliamento leggero e comodo, oltre a bere frequentemente”. Queste le raccomandazioni in vista di un ulteriore peggioramento del caldo.

Il sistema previsionale a lunga scadenza indica per la seconda settimana di luglio una tendenza di massima caratterizzata da un incremento dei parametri delle matrici di impatto d’incendio legate alle persistenti anomalie meteo tali da indicare un livello alto di suscettibilità degli incendi sul territorio regionale.

Commenta