Palermo piange Giorgio, “Sempre il sorriso in faccia, morto nel fiore degli anni”

Ancora pochi metri e sarebbe arrivato a casa, pronto a godersi il sabato sera con gli amici

Il quartiere palermitano della Guadagna piange Giorgio Comito, morto a 20 anni in seguito a un incidente stradale avvenuto a pochi metri da casa sua. Il giovane stava per arrivare a casa ma un incidente in via Villagrazia se lo è portato via, spezzando la sua vita ancora nel fiore degli anni.

E fa ancora più male sapere che a soccorrere il giovane è stato il padre del ragazzo, tra i primi scesi in strada in seguito allo schianto. Giorgio, secondo quanto ricostruito, era appena uscito dal barbiere e stava facendo rientro alla Guadagna, dove abitava assieme alla famiglia. Qualcosa però è andato male e, mentre si trovava in sella alla sua moto, si è schiantato contro un palo dell’illuminazione.

Un impatto violentissimo tanto che il giovane è arrivato in ospedale in condizioni gravissime. Nel giro di poche ore è spirato, nonostante le cure dei medici e le preghiere dei familiari e dei tanti amici. Giorgio è morto nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale Civico.

Immenso il dolore nel rione della Guadagna. Il papà del ragazzo è un volontario della confraternita della Misericordia di Piana degli Albanesi e sarebbe stato lui tra i primi a soccorrerlo. Una tragica circostanza per una persona abituata a soccorrere persone incidentate e ferite. Oltre al padre, lascia nel dolore la madre, un fratello e una sorella.

I genitori lo hanno vegliato, assieme all’esercito di volontari e amici accorsi a consolarli. Una famiglia profondamente legata e solidale verso il prossimo, amata e rispettata da tutti. Del resto, anche il ritratto di Giorgio fatto nei ricordi degli amici e dei fedeli della parrocchia dei Fornai parla di un ragazzo “con il sorriso sempre stampato sulla faccia, allegro, gioviale, disponibile”.

Una miriade i messaggi social per Giorgio

“Non riesco a dirti addio fratello mio – scrive Marco -, ho supplicato tutta la notte ma non è bastato. Non doveva andare così, un incubo bruttissimo, mi hai lasciato un vuoto dentro incredibile, non posso credere che non ci sarai più vicino a tutti noi, tutti ti amano fratello mio, da lassù sicuramente stai guardando quanta gente è qui per te”. “Ti ricorderò sempre con quel sorriso stampato sul viso – ricorda Giorgia -, con quella tua voglia di vivere e divertirti! Ricorderò sempre ogni singolo abbraccio, ogni singolo gesto. Ricorderò sempre quelle sere passate fra risate e battute, ricorderò con quella tua forza di sorridere sempre anche davanti ai problemi”. Il funerale oggi nella chiesa di San Giovanni Capasso, in via dei Benedettini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.