Home Politica Roberto Lagalla è ufficialmente sindaco, “Dio e Santa Rosalia aiutino Palermo”

Roberto Lagalla è ufficialmente sindaco, “Dio e Santa Rosalia aiutino Palermo”

"A tutti chiedo volontà di lavoro, pazienza e impegno"

0

Si è svolta questa mattina nell’aula consiliare di Palazzo delle Aquile la cerimonia d’insediamento del nuovo sindaco di Palermo, il professore Roberto Lagalla. La proclamazione è stata sancita dal magistrato Simone Alecci, presidente del Comitato elettorale, che ha letto la formula di rito. Il sindaco di Palermo era accompagnato dalla sua famiglia.

“Sarò il sindaco di tutti palermitani e di tutte le palermitane – ha dichiarato Roberto Lagalla nel suo discorso d’insediamento nell’aula di Sala delle Lapidi -. Incontrerò le autorità cittadine e già questa mattina mi confronterò con i dirigenti dell’amministrazione comunale per analizzare la situazione del bilancio comunale e iniziare sin da subito il mio lavoro per la città, con grande senso di responsabilità. A tutti chiedo volontà di lavoro, pazienza e impegno perché solo attraverso questa ricetta potremo fare ciò che i palermitani ci chiedono di fare per la città. Che Dio e Santa Rosalia aiutino Palermo”.

Nel corso della cerimonia il primo cittadino ha annunciato che domani, alle 9, deporrà una corona di fiori in piazza Tredici Vittime, dove si trova il monumento dedicato alle vittime di mafia.

Musumeci: «Palermo volta pagina, buon lavoro al sindaco Lagalla»

«Da oggi, Palermo volta pagina. Roberto Lagalla, che sin dall’inizio ha condiviso la nostra azione di governo, saprà guidare la quinta città d’Italia con la stessa competenza e autorevolezza dimostrata da assessore regionale, lavorando senza sosta per risolverne i tanti problemi e le annose criticità. A lui l’augurio di buon lavoro, mio personale e dell’intera giunta regionale». Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

Articolo precedenteIncidente a Villabate, lunghe code sulla Palermo-Catania
Articolo successivoWizzAir cancella il volo Bologna-Palermo e il viaggio diventa un incubo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui