Strage di Capaci da estrema destra eversiva, perquisita casa di giornalista di Report

di Redazione Web
lettura in 2 minuti

Perquisizione della Dia, su mandato della Procura di Caltanissetta, nell’abitazione dell’inviato della trasmissione di Rai 3 Report e nella redazione.

A darne notizia è il conduttore Sigfrido Ranucci secondo cui “il motivo sarebbe quello di sequestrare atti riguardanti l’inchiesta di ieri sera sulla strage di Capaci nella quale si evidenziava la presenza di Stefano Delle Chiaie, leader di Avanguardia nazionale, sul luogo dell’attentato. Gli investigatori – continua Ranucci – cercano atti e testimonianze anche su telefonini e pc”.

La trasmissione d’inchiesta di Rai 3, in occasione del trentennale della strage di Capaci, ha dedicato un servizio di Paolo Mondani legato all’inchiesta “La bestia nera” secondo cui emergerebbero documenti e protagonisti dimenticati in grado di gettare una nuova luce su quei fatti.

Secondo una delle ipotesi su cui sono in corso verifiche, Stefano Delle Chiaie, il fondatore di Avanguardia nazionale e poi cofondatore dell’organizzazione di destra Ordine Nuovo, scomparso nel 2019, qualche mese prima della strage sarebbe stato presente insieme ad alcuni boss nella zona dello svincolo di Capaci. Se fosse confermato, prenderebbe forza la tesi secondo cui a preparare l’attentato al giudice Falcone siano stati gli ambienti dell’estrema destra eversiva, utilizzando la strategia stragista della mafia agli ordini di Totò Riina.