Allarme vaiolo delle scimmie, c’è il primo caso in Italia

Si tratta di un giovane rientrato dalle Isole Canarie

In Italia il primo caso di vaiolo delle scimmie. È il primo rilevato nel Paese.
Positivo al vaiolo sarebbe un ragazzo rientrato dalle Canarie. Al momento è ricoverato all’ospedale Spallanzani. Ora è in corso il tracciamento dei contatti e ci sono altri due casi sospettati al vaglio dei medici.

Secondo le prime ricostruzioni, il paziente era rientrato dalle Canarie e le sue condizioni sono discrete. È ovviamente in corso il tracciamento dei contatti e ci sono altri due casi sospettati al vaglio dei medici. L’istituto spiega che si tratta di un giovane adulto che si era presentato al Pronto soccorso dell’Umberto I”.

“Il quadro clinico è risultato caratteristico e il ‘Monkeypox virus’ è stato rapidamente identificato con tecniche molecolari e di sequenziamento genico dai campioni delle lesioni cutanee. La persona è in isolamento in discrete condizioni generali, sono in corso le indagine epidemiologiche e il tracciamento dei contatti”, precisano i medici dello Spallanzani. “Al momento i tre casi osservati e nei casi in Europa e in Usa, non presentato segni clinici di gravità – proseguono gli esperti – La trasmissione può avvenire attraverso le goccioline di saliva, il contatto con le lesioni e i liquidi biologici infetti”.

I commenti sono chiusi.