Parla l’amministratore giudiziario della Cantine Simonetti, “Taglio col passato, dateci fiducia”

"Il vino è stato sottoposto ad accurate analisi, in esito alle quali è risultato rispondente ai parametri di legge"

Parla Carlo Catalano, nominato dal giudice per mandare avanti le attività dell’impresa vitivinicola che si trova a Monreale e San Cipirello. Il vino venduto dall’azienda è rispondente ai parametri di legge, assicura, e l’autorità giudiziaria ha autorizzato la vendita.

In relazione ai recenti articoli di stampa con i quali si è data notizia del sequestro del complesso aziendale della Cantine Simonetti srl, l’amministratore giudiziario Carlo Catalano, a tutela dell’azienda ed in primis della forza lavoro occupata, rappresenta che “la misura cautelare in corso di esecuzione separa una definitiva cesura rispetto alle condotte del passato”.

“Il vino rinvenuto in cantina all’atto del sequestro – continua la nota – è stato sottoposto ad accurate analisi, in esito alle quali è risultato rispondente ai parametri di legge, e pertanto ne è stata autorizzata dall’autorità giudiziaria la commercializzazione. L’amministratore giudiziario ha inoltre ottenuto le autorizzazioni necessarie ad assicurare un costante presidio dell’intero ciclo produttivo, dalla fase di acquisto delle materie prime a quella di distribuzione del prodotto”.

“Da quanto sopra rappresentato – dice l’amministratore giudiziario – deriva la massima garanzia della bontà del prodotto commercializzato e pertanto l’amministratore giudiziario auspica che il mercato, in una terra dove la conservazione del lavoro e delle poche realtà aziendali presenti assume un valore prezioso, possa dare fiducia alla gestione in atto”.

Seguici su Facebook

I commenti sono chiusi.

  • Cronaca
  • Diretta Telejato