Reddito di cittadinanza, se non fai questa comunicazione rischi di perderlo

di Redazione Web
lettura in 3 minuti
lavori di pubblica utilità reddito di cittadinanza sicilia
Foto Claudio Furlan LaPresse

C’è una comunicazione da fare subito, pena la perdita del Reddito di Cittadinanza. La misura dello stato che aiuta le famiglie senza reddito fa molto parlare di sé in questi giorni. Se da un lato sono ancora troppe le persone furbette che prendono il rdc senza averne diritto, chi è onesto rischi di perderlo. Ma c’è un modo per non perderlo.

Il dettaglio che molti sottovalutano

C’è un dettaglio che è importante sapere per non rischiare di perdere il sussidio statale e lo stop al pagamento del reddito di cittadinanza. In particolare chi non farà attenzione a una comunicazione possibilmente lo perderà.

Tra i fortunati ci soni pure coloro che prenderanno la doppia ricarica del reddito di cittadinanza grazie all’assegno unico. Ma c’è da fare attenzione visto che il Reddito di cittadinanza è un sostegno che aiuta molte famiglie italiane e rischiare di non riceverlo potrebbe essere catastrofico per chi lo prende.

In particolare in questo periodo pesantemente segnato dalla pandemia, le condizioni economiche generali del nostro Paese sono abbastanza complesse. Sono veramente numerosi gli italiani che hanno perso il lavoro o che sono stati costretti a subire le ripercussioni legate alle restrizioni causate dal Covid. L’obiettivo sarebbe consentire alle persone attualmente disoccupate di trovare un lavoro. Ma rischiare di perdere il reddito di cittadinanza per5un cavillo è davvero possibile.

Ecco chi rischia di perdere l’assegno

Come tutte le forme di sostegno al reddito, anche per il Reddito di cittadinanza, è necessario rispettare un iter ben preciso per poterlo ottenere che è scandito da scadenza prestabilite. Nel caso in cui questo non venga rispettato si palesa il serio rischio di poter perdere il beneficio. L’INPS, pochi giorni fa, infatti, ha fatto sapere, attraverso apposita nota, che deve essere inviata la comunicazione di variazione della condizione occupazionale. Per questo motivo il termine scatta a partire da gennaio 2022 che va a sostituire il precedente termine di 30 giorni per effettuare la suddetta comunicazione.

La comunicazione da fare subito

Ma allora qual è la comunicazione da fare prima possibile? Sono tanti i percettori che rischiano? Ecco cosa serve fare. Sarà necessario che i percettori del Reddito di cittadinanza effettuino questa comunicazione nel più breve tempo possibile. Solo così si eviterà il concreto rischio di perdere l’importante supporto economico sul quale oggi molte famiglie italiane possono contare.

Commenta