Sergio Mattarella è di nuovo il Presidente della Repubblica Italiana

di Redazione Web
lettura in 5 minuti
Sergio Mattarella è di nuovo il Presidente della Repubblica Italiana

Sergio Mattarella è stato rieletto presidente della Repubblica con 759 voti su un totale di 983 presenti e votanti.
Non supera dunque il record registrato da Pertini che fu eletto con 832 voti ma diventa il secondo capo dello Stato più votato.

Dopo il raggiungimento del quorum della maggioranza assoluta è scattato in Aula l’applauso durato quattro minuti.”Avevo altri piani ma io sono rispettoso del Parlamento”, ha detto il presidente confermando il suo sì dopo l’intesa raggiunta in un vertice di maggioranza sul suo nome.

Le reazione della politica di Sicilia

“Sergio Mattarella è stato e continuerà ad essere un grande presidente: la sua riconferma è anche un motivo di orgoglio per la Sicilia. Rivolgo al presidente Mattarella i migliori auguri di buon lavoro a nome del gruppo parlamentare del Partito Democratico all’Assemblea Regionale Siciliana”. Lo dice Giuseppe Lupo, capogruppo del PD all’Ars.

“Il bis del presidente Mattarella è una conferma di fiducia e gratitudine a un uomo di grande spessore e a un siciliano che oggi rende ancora più fieri tutti noi siciliani. Auguro al presidente della Repubblica, a nome mio e di tutti i deputati regionali M5S, altri anni di proficuo lavoro per la continua costruzione del bene comune, un valore di cui tutti abbiamo bisogno”. Lo dichiara Nuccio Di Paola, capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars.

“Saluto con soddisfazione l’elezione di Sergio Mattarella a Presidente della
Repubblica. La soluzione migliore in questa delicata fase che attraversa l’Italia.
Una scelta condivisa da una maggioranza molto ampia delle forze politiche e che nelle ultime e concitate ore ha visto protagonista assoluto il nostro leader Matteo Salvini. Ho condiviso in pieno ogni singolo passo fatto da Salvini in questi giorni a partire dal suo enorme sforzo per proporre una candidatura di alto profilo proveniente dall’area politica e culturale di centrodestra; le bocciature ostinate della sinistra sono davanti agli occhi di tutti così come il fatto che, cito proprio le parole di Matteo, “gli italiani non meritassero altri giorni di confusione”. Per questo la Lega, con coraggio e senso di responsabilità, già stamattina ha agito nel migliore dei modi. La riconferma di Sergio Mattarella alla più alta carica dello Stato mantiene al Quirinale un siciliano che da sempre è al servizio delle Istituzioni e a cui auguro di continuare ad essere riferimento per tutti gli italiani”.

“Il Parlamento ha espresso con chiarezza la volontà di riconfermare Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Una volontà condivisa dalla stragrande maggioranza degli italiani. Con questa rielezione il Parlamento ha espresso inoltre il proprio apprezzamento nei confronti di una figura di altissimo profilo, anche in riferimento al prestigio dell’Italia in campo internazionale, a presidio della Repubblica e della sua Carta Costituzionale in un delicato e difficile momento politico e sociale. Al Presidente Mattarella rivolgo, anche a nome della sua Città, sentiti auguri di buon lavoro”, lo ha dichiarato il Sindaco della Città e della Città Metropolitana di Palermo, Leoluca Orlando.

“La riconferma del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, rappresenta la stabilità politica e amministrativa di cui l’Italia ha oggi bisogno. Una scelta giusta, che noi sostenevamo già da diversi mesi”. Lo dichiara il commissario regionale della Democrazia Cristiana Nuova, Salvatore Cuffaro. “La DC Sicilia auspicava una riconferma del mandato che adesso c’è stata, resta il rammarico che si siano persi diversi giorni prima di arrivare a questa scelta. Oggi, lo ribadiamo, in un momento di profonda difficoltà, è necessario e indispensabile che il delicato ruolo di Capo dello Stato sia gestito da una figura sopra le parti, come quella di Sergio Mattarella, persona stimabile di altissima levatura culturale, storica e di spiccatissima sensibilità”. “A Mattarella va, da parte della DC Nuova di Sicilia, un grazie ed un incoraggiamento per proseguire – conclude Cuffaro – nell’ottimo lavoro fin qui svolto”.

Commenta