Doppia tragedia per i familiari di Francesco Corso, operaio di Misilmeri morto sul lavoro

A più di una settimana dalla morte di Francesco Corso, la moglie e i due figli brancolano nel buio

I familiari di Francesco Corso, operaio di Misilmeri vittima dell’infortunio sul lavoro a Termini Imerese, affranti per l’inaccettabile perdita. Chiedono di poter celebrare i funerali e lanciano un appello.

Non bastava il dolore senza fine per aver perso il proprio caro in modo inaccettabile e tragico, per l’ennesimo infortunio mortale sul lavoro. A più di una settimana dalla morte di Francesco Corso, la moglie e i due figli brancolano nel buio, vorrebbero poter dare l’estremo saluto al marito, e al padre, ma finora non hanno ricevuto alcuna notizia. I familiari di Francesco Corso non sanno se l’autorità giudiziaria abbia intenzione di disporre o abbia già disposto l’autopsia, non hanno la minima idea di quando arriverà il nulla osta per la sepoltura.

Il racconto della tragedia

Il 57enne operaio specializzato, che abitava a Misilmeri, è rimasto folgorato martedì 18 gennaio, attorno alle 13. L’operaio edile, impiegato nella ditta Calcestruzzi Bolognetta srl, di Bolognetta, molto esperto in questo tipo di attività e autista di betonpompa, si trovava in un cantiere di Trabia. Qui erano appena i iniziati i lavori per la costruzione di una villetta, e stava manovrando con una pompa per calcestruzzo per gettare il cemento, che poi due operai di un’altra impresa procedevano a distendere sulla piattaforma. E’ allora che Corso ha urtato con il braccio meccanico del macchinario i fili dell’alta tensione e la potentissima scarica elettrica non gli ha lasciato scampo. I soccorsi sono risultati vani.

L’inchiesta sulla morte bianca

Il Pm della Procura di Termini Imerese, con l’ausilio dei carabinieri ha aperto un procedimento penale con l’ipotesi di reato di omicidio colposo per accertare la dinamica, le cause e le responsabilità dell’ennesima morte bianca. Andrà chiarito, in particolare, perché quella linea elettrica fosse attiva.

I familiari della vittima, attraverso i consulenti personali Salvatore Agosta e Alessio Tarantino, si sono dunque rivolti a Studio3A-Valore S.p.A., per fare piena luce sui fatti e anche per ottenere qualche risposta perché, a più di una settimana di distanza dal tragico evento, la moglie e i figli di Francesco Corso non hanno ricevuto alcun riscontro dall’autorità giudiziaria. Attraverso il penalista della famiglia, è stata quindi presentata un’istanza al Sostituto Procuratore di essere tempestivamente informati se e quando verranno disposti ed eseguiti gli accertamenti autoptici sulla salma, per dare modo a Studio3A di mettere prontamente a disposizione un consulente tecnico di parte per i propri assistiti, e, nel caso contrario, se cioè il magistrato non ritenesse necessario l’esame, di rilasciare al più presto il nulla osta per dare modo ai congiunti di fissare la data dell’estremo saluto all’operaio.

Pur consapevoli delle difficoltà in cui anche la magistratura si trova ad operare in ragione della pandemia, i familiari del lavoratore confidano in una celere risposta da parte dell’autorità giudiziaria, perché questa situazione di incertezza e l’attesa, sommata a tutto il resto, stanno diventando insostenibili.

Seguici su Facebook

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Cronaca
  • Diretta Telejato