Terrore per le strade di Palermo, 11 giovani arrestati (VIDEO)

Fermata la baby gang che seminava il panico nel centro storico del Capoluogo

A Palermo arrestati undici ragazzi che facevano parte di una baby gang divenuta il terrore del centro storico. Avrebbero commesso una lunga scia di furti e rapine.

Così i carabinieri del comando provinciale e la polizia di Stato di Palermo hannno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 11 giovanissimi tra cui due minorenni. Gli indagati devono rispondere a vario titolo di rapina, furto e lesioni personali.

Secondo le ricostruzioni degli investigatori, sarebbero i membri di una baby gang che avrebbe eseguito diversi colpi lungo le strade di Palermo.

Per 10 ragazzini sono aperte le porte del carcere. Uno è finito ai domiciliari. I reati contestati sarebbero stati commessi il 10 settembre e il 17 novembre dello scorso anno. Contestati in particolare tre furti e una serie di rapine. Le vittime preferite dalla gang erano coetanei che di notte transitavano per le vie del centro. Li rapinavano portando via cellulari ed e denaro.

Il branco avrebbe agito sempre con le stesse modalità terrorizzando, accerchiando le vittime e a volte picchiandole in caso di reazione.

Il quadro probatorio è stato accolto dalle competenti Autorità Giudiziarie del Tribunale di Palermo e del Tribunale per i Minorenni che nel provvedimento restrittivo delineano come i reati contestati siano espressione di una “criminalità di branco” riconducibile a gruppi di giovani delinquenti che dall’azione collettiva ricavavano una maggior spinta criminale.

Agenti e carabinieri sono riusciti a identificare i componenti della baby gang grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti nel centro storico e alle denunce delle vittime che riconoscevano gli indagati come gli aggressori che li hanno picchiati e derubati.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.