Sicilia zona arancione in 7 giorni, la previsione del matematico

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Zona arancione

Entro sette giorni l’Italia intera, Sicilia compresa, potrebbe finire in zona arancione. Lo dice il calcolo dell’esperto del Cnr,  Giovanni Sebastiani. Secondo i calcoli, infatti, l’emergenza potrebbe continuare ad aggravarsi a tal punto che i ricoveri potrebbero superare ben presto i valori soglia, fino a oggi non ancora superati in alcune regioni italiane. È il caso della Sicilia che, nonostante l’aumento vertiginoso dei nuovi casi, non ha ancora superato il limite massimo. C’è da dire però che tutti i reparti covid sono sotto stress e che i ricoveri sono in continuo aumento. LEGGI QUI I DATI DELLA PROTEZONE CIVILE DI OGGI

La previsione del matematico

Entro una settimana i ricoveri a livello nazionale potrebbero superare i valori soglia per l’ingresso nella zona arancione. Le analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo ‘M.Picone’, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), parlano chiaro. “L’occupazione di pazienti Covid a livello nazionale nei reparti ordinari è al 24.5% circa e aumenta in modo lineare, con un tasso medio di crescita di circa 0.85% al giorno, mentre quella nelle terapie intensive è al 17% circa, anch’essa in crescita lineare con un tasso medio di aumento pari a circa il 0.43% al giorno”, osserva l’esperto. “Se questi trend rimarranno invariati, si prevede  che entro una settimana, avverrà il superamento delle soglie della zona arancione, pari rispettivamente a 30% e 20%”.

La Sicilia rischia concretamente il passaggio in arancione

La Sicilia (29,6% in area non critica e 16,4% in terapia intensiva) si trova nello stesso livello di attenzione di Friuli Venezia Giulia (27%  e 21,1%) e Marche ( 25,4 e 25,8 %). Saranno i dati sui ricoveri di giovedì 13 gennaio (quelli utilizzati nel monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità) a certificare il passaggio in arancione.

 

 

Commenta