Il benvenuto è dolce all’aeroporto di Palermo con il Presepe di Nicolò Giuliano

Il presepe realizzato ispirandosi al mare di Lampedusa

Chi arriva a Palermo sarà accolto dal presepe artistico di Nicolò Giuliano.
Il presepe del maestro ceramista di Monreale illumina la sala arrivi dell’aeroporto di Palermo.

Eccolo che appare in un video realizzato durante la presentazione avvenuta il 3 dicembre scorso nello scalo palermitano.

Si tratta di un presepe monumentale. “Esso è il luogo, ai piedi del quale, ogni anno in ogni Natale, si ritrova ogni famiglia del mondo”, dice Giuliano.

Il presepe di Giuliano riflette il suo pensiero e la sua arte. “Il presepe è il racconto di una famiglia, la sacra famiglia, che propone all’umanità la sua semplicità, l’essenzialità come stile di vita, quale antidoto per la felicità degli uomini di ogni tempo”.

Il Presepe è stato esposto per la prima volta nella Cattedrale di Monreale, ai piedi del Pantocratore, tra gli ori dei mosaici, esso rappresenta l’umanità contemporanea. “Le figure, che ho plasmato nel silenzio e nella solitudine del mio laboratorio, in una vera e propria contemplazione, non hanno un colore specifico. E ciò è voluto. Ho deciso di sacrificare la tradizione cromatica tipica della pittura scultorea classica, in favore di una, a mio avviso migliore, polivalente strumentale al messaggio che volevo lanciare”.

Il presepe vuole ricordare al mondo “che anche nella molteplicità c’è n’armonia che deve essere sempre valorizzata e coltivata”. Questa varietà di colore, infatti, ricorda l’umanità nelle sue molteplici sfumature. “Il mio pensiero, in particolare è per un luogo speciale che la storia ha reso tragicamente noto: il mare di Lampedusa dove l’umanità sofferente si è incontrata e dal quale ho tratto le varie sfumature di blu e di verde. Ma anche di rosso che rimanda al sangue degli innocenti”.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.