Da Palermo a Messina in 4 ore e mezza col Frecciabianca, resta il sogno dell’alta velocità

L'annuncio del Frecciabianca in Sicilia suona un po' di beffa per i pendolari siciliani

Il Frecciabianca arriva in Sicilia ma è polemica. Non si può certo parlare di alta velocità che rimane ancora un sogno per i siciliani. Il Frecciabianca infatti fa recuperare solo due minuti per andare da Palermo a Catania e impiegherà oltre 4 ore per andare a Messina, anche se porterà alcuni vantaggi come le coincidenze con gli aliscafi e il servizio bar sul treno. C’è da dire però che il treno regionale percorre la tratta in molto meno quando tutto va bene e i servizi pullman coprono già questa tratta con collegamenti diretti.

L’annuncio del Frecciabianca in Sicilia suona un po’ di beffa per i pendolari siciliani che sono costretti a percorrere in oltre tre ore il tragitto dai due capoluoghi. A mancare sono infatti le infrastrutture che potrebbero portare la vera alta velocità sull’isola. Il cantiere del raddoppio della ferrovia Palermo-Messina procede a passo di lumaca, rallentato dalla burocrazia.

Ci pensa il Frecciabianca però a dare nuove speranze. Dalla prossima domenica, 14 novembre, collegherà Palermo con Messina con fermate a Caltanissetta Xirbi, Enna e Catania. Un viaggio di 4 ore e 15 minuti, un tempo tutt’altro da record, ma che fa entrare per la prima volta la Sicilia e i due capoluoghi interni dell’Isola nel circuito delle Frecce di Trenitalia e offre proprio a nisseni ed ennesi un collegamento
più veloce, senza cambi e con standard di qualità maggiori dei treni
regionali per raggiungere lo stretto di Messina e con un biglietto integrato trovarsi a Villa San Giovanni in tempo per il Frecciarossa delle 12,47 per Roma e Milano.

Il Frecciabianca non è altro che un treno usato ormai da anni al Nord e adesso spostato in Sicilia. Ma dall’assessore siciliano Falcone Regione e dal sottosegretario grillino Cancelleri è stato presentato in pompa magna.

«Oggi andare da Catania a Roma con l’Intercity ci vogliono 10 ore e 30 minuti. Da giorno 14 con il Frecciabianca si scenderà a 7 ore e 10 minuti — dice Cancelleri — un cambio di passo importante, non una rivoluzione. Ma entro la fine del 2024 porteremo i Frecciarossa, quelli a composizione ridotta, che potranno finalmente traghettare. Siamo spendendo otto miliardi e 900 milioni – ha aggiunto –
per raddoppiare la linea da Messina a Catania e Palermo e ci muoveremo più velocemente quando dal 2026 questi lavori saranno completati».

I siciliani quindi per adesso dovranno “accontentarsi” del Frecciabianca. Per l’intero percorso i biglietti costano 34 euro in seconda classe e 46 euro in prima. Con le offerte Young e Senior si scende a 23,80-32,20 euro.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.