Scoperto a Palermo meccanico abusivo e furbetto del reddito di cittadinanza

Da successivi accertamenti in collaborazione con l'INPS è emerso che il meccanico era percettore del reddito di cittadinanza

Le Fiamme Gialle hanno scoperto un meccanico abusivo che prendeva anche il reddito di cittadinanza nel quartiere Montegrappa-Santa Rosalia, a Palermo.

A Palermo, nel quartiere Montegrappa-Santa Rosalia

In particolare le Fiamme Gialle hanno effettuato un accesso in un deposito del quartiere Montegrappa-Santa Rosalia rinvenendo al suo interno attrezzature utili per lo svolgimento dell’attività di riparazioni meccaniche.
Il titolare dell’officina non è stato in grado di esibire la licenza o l’autorizzazione per l’esercizio dell’attività. Inoltre, dagli accertamenti immediatamente svolti, lo stesso è risultato sprovvisto di partita IVA.

I militari hanno segnalato il meccanico abusivo, M.S., alla locale Camera di Commercio per la mancata iscrizione nel Registro delle Imprese esercenti attività di autoriparazione che prevede oltre al sequestro dei locali e delle attrezzature contenute, l’irrogazione di una multa da 5.164 a 15.493 mila euro.

Da successivi accertamenti in collaborazione con l’INPS è emerso che il meccanico era percettore del reddito di cittadinanza, ottenuto non avendo lo stesso dichiarato la propria attività lavorativa e i redditi a questa connessi. I finanzieri hanno poi segnalato all’Inps per la sanzione di revoca del beneficio e denunciato alla locale Procura della Repubblica per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato.

Una furbetta a Bagheria

I militari della Compagnia di Bagheria, in collaborazione con l’Inps, hanno individuato una signora risultata beneficiaria illecitamente del Reddito di Cittadinanza. Aveva già percepito per oltre 11.000 euro senza averne diritto. La donna prendeva il sussidio nonostante il figlio fosse in carcere.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.