Prende il Reddito di cittadinanza di un morto, denunciato furbetto a Corleone (VIDEO)

Da gennaio 2021 prendeva il reddito di una persona morta

0

La Guardia di Finanza di Corleone ha scoperto e denunciato un uomo che prendeva il reddito di cittadinanza di una persona morta.

I militari del Comando Provinciale di Palermo, a seguito di indagini, in collaborazione con l’INPS, hanno individuato, a Corleone (PA), un soggetto che percepiva, senza averne titolo, il reddito di cittadinanza di una persona deceduta nel 2020.

In un primo momento l’attenzione degli investigatori si era concentrata sull’originario percettore del beneficio il quale non avrebbe avuto diritto alla prestazione poiché, all’atto della presentazione dell’istanza, era sottoposto a misura cautelare personale.

LEGGI ANCHE
In Sicilia "strage" di furbetti del Reddito, i Carabinieri ne scoprono 102

Gli appuntamenti degli elementi acquisiti, anche mediante l’uso delle banche dati in uso al Corpo, hanno permesso ai finanzieri della Tenenza di Corleone di rilevare che nel mese di gennaio 2021, successivamente al decesso del beneficiario del reddito di cittadinanza, il soggetto denunciato ha presentato, per conto del defunto, una nuova dichiarazione sostitutiva unica mirata a garantire il proseguimento dell’erogazione del beneficio, fino a scadenza prevista a giugno 2021.

I finanzieri hanno segnalato il soggetto alla Procura di Termini Imerese per il reato di truffa aggravata, per aver indebitamente percepito, successivamente alla morte dell’originale beneficiario, redditi per complessivi per 4.000 euro.

LEGGI ANCHE
Troppi animali sterminati dagli incendi, nuova sospensione della caccia in Sicilia

L’attività di servizio conferma il ruolo di polizia economico-finanziaria affidato al Corpo della Guardia di Finanza, a contrasto delle condotte tenute da coloro i quali, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate a favore di persone e famiglie che si trovano effettivamente in condizioni di disagio.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.