La prima dose e la morte, il caso sospetto di Alessandro Campo

Il giovane ha ricevuto la prima dose due giorni prima della morte, le ipotesi degli investigatori

0

La prima dose e la morte sospetta. Sarà l’esame autoptico a dire perché è morto Alessandro Campo, il 25enne residente a San Martino delle Scale, frazione di Monreale, trovato morto a Favignana. Il giovane due giorni prima aveva ricevuto il siero Pfizer. Lavorava a Favignana per pagarsi gli studi.

Alessandro trovato morto a letto

Alessandro è stato trovato privo di vita dal 118 e dai Carabinieri di Favignana dopo che non si avevano sue notizie da ore. L’ultima persona ad averlo visto sarebbe stato il compagna di stanza che lo aveva lasciato a letto prima di uscire da casa. Il 25enne stava male.
Il 118 lo ha trovato morto proprio su quel letto. L’ipotesi del malore è la più avvalorata, forse un arresto cardiaco.

Perché è morto Alessandro Campo?

Come riporta Livesicilia, sulla morte del ragazzo si concentra anche il dubbio che possa trattarsi di un evento provocato dal vaccino. Aveva ricevuto la prima dose Pfizer die giorni prima della tragedia. Esclusa l’ipotesi della morte violenta visto che su suo corpo non co sarebbero segni evidenti.

Collegamento con la prima dose?

Adesso i carabinieri che indagano sul caso non escludono la possibilità del collegamento col vaccino.

“Oggi è un giorno molto triste per la facoltà di Giurisprudenza. Nella giornata di ieri il nostro collega Alessandro Campo è scomparso a seguito di un arresto cardiaco – si legge nella pagina Facebook del’associazione Contrariamente -. Lo ricordiamo oggi per la sua perseveranza, per la sua perspicacia, per il suo essere Alessandro. Non si è mai tirato indietro nell’aiutare i suoi colleghi e in qualsiasi materia dava il meglio di sé con ottimi risultati, perché la sua, per il diritto, era vera passione. Oggi ContrariaMente e tutta la popolazione studentesca ricordano un collega, e un amico. Ci uniamo al cordoglio della famiglia”.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.