Si sveglia dal coma dopo il tuffo a Mondello e chiede di chi gli ha salvato la vita

Il 17enne si era buttato a mare dal molo del Charleston

Migliorano le condizioni del ragazzo di 17 anni che ha rimediato una frattura cervicale dopo un tuffo a Mondello. Il giovane si sarebbe risvegliato dal coma farmacologico a cui era stato sottoposto dai medici dell’ospedale Villa Sofia dove era stato ricoverato d’urgenza.

Ora il giovane avrebbe chiesto del ragazzo che gli avrebbe salvato la vita. È il fratello che lo scrive sui social. “Ragazzi, mio fratello si è svegliato e piano piano parla da solo – si legge – Voglio che questo post giri ovunque. Mio fratell ha chiesto di vedere il ragazzo che domenica gli ha dato soccorso e gli ha salvato la vita a Mondello. A parte il suo amico, chiunque tu sia mio fratello ti vuole vedere. Aiutatemi a trovare questo ragazzo”.

Il 17enne si era buttato a mare dal molo del Charleston. Una bravata che le è costata il ricovero in gravi condizioni in ospedale. Dopo il tragico tuffo, il giovane ha perso i sensi. È stato soccorso da alcuni bagnanti che hanno allertato il 118. Poi il trasporto in codice rosso a Villa Sofia.

Ora arrivano notizie confortanti dai familiari del giovane che si è risvegliato dal coma e ha chiesto di poter incontrare la persona che gli ha salvato la vita.

Intanto si accende una speranza per il giovane dopo il delicatissimo intervento di neurochirurgia cui è stato sottoposto per la severa frattura cervicale riportata dopo essersi tuffato da un punto del vecchio stabilimento balneare di Mondello.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.